Home Agricoltura 4.0 Semina di precisione: la tecnologia aiuta ad aumentare qualità e sostenibilità

Semina di precisione: la tecnologia aiuta ad aumentare qualità e sostenibilità

semina di precisione
Immagine da Depositphotos

L’agricoltura 4.0 ha introdotto novità e innovazioni nel campo della produzione agricola, aiutando a ottimizzare le risorse – acqua, terra e semi – e a mantenere alta la produzione: è il caso della semina di precisione.

La semina è uno dei fattori maggiormente influenzati dai cambiamenti climatici: le modificate condizioni meteorologiche, gli attacchi di parassiti alieni al territorio e la sempre più frequente scarsità di acqua, portano gli agricoltori a doversi affidare alla tecnologie per ovviare alle difficoltà odierne.

La semina, il primo passo di una produzione agricola efficiente, ha visto un fermento tecnologico nei prodotti e nelle tecniche che la facilitano, in termini sia di produzione esia di qualità.

In questo campo, la tecnologia ha fatto passi da gigante e si è passati dalle vecchie seminatrici a righe – che utilizzavano una tecnica di collocazione dei semi in solchi paralleli – alle moderne e innovative seminatrici di precisione per piante a semina individuale.

La semina di precisione è la nuova frontiera a cui i moderni agricoltori devono guardare per preservare efficienza e migliorare la qualitàò dei propri prodotti.

La semina di precisione: cos’è e quali prodotti si utilizzano

Le seminatrici di precisione sono macchine tecnologicamente avanzate dotate di meccanismi per deporre i semi nel terreno a una distanza sulla fila e a una profondità costanti, permettendo un’ottimale crescita della coltura.

L’uniformità della semina consente a ogni singola piantina di disporre di una zona di terreno a lei dedicata, con i principi nutritivi, lo spazio per crescere e ula luce esatta per la sua fotosintesi.

Le macchine oggi sviluppate per la semina di precisione consentono di avere un numero determinato di elementi autosufficienti e indipendenti, vere unità di semina complete, dotate di tramoggia, organi di distribuzione, organi assolcatori, dispositivi copriseme e dispositivi di compattamento.

Un’evoluzione tecnologica che anche Coldiretti auspica, per ovviare all’incertezza causata dall’attuale situazione geoolitica: per il presidente Ettore Prandini, infatti, “per recuperare terre fertili è poi necessario promuovere processi innovativi di affidamento e gestione dei campi abbandonati per altri 500mila ettari; investire sulla digitalizzazione con lo sviluppo di applicazioni di agricoltura di precisione e accelerare sul riconoscimento delle nuove biotecnologie“.

Vediamo allora alcune aziende che sviluppano macchine per la semina di precisione.

Seminatrici di precisione MaterMacc

Tra i prodotti che rispondono ai requisiti del Piano Nazionale Transizione 4.0 ci sono varie seminatrici di precisione dell’azienda MaterMacc di San Vito al Tagliamento, in provincia di Pordenone.

Queste attrezzature sono pensate per la semina su terreno lavorato o dopo minima lavorazione e sono dotate di un sistema elettronico di controllo MiPlus che permette eventualmente di abbinarle a un trattore con protocollo di comunicazione digitale Isobus.

La tecnologia consente alla seminatrice di trasmettere i dati di lavoro al tablet nella cabina del trattore senza bisogno di cablaggi ingombranti. L’operatore può leggere tutti i dati operativi direttamente da uno smartphone o tablet con sistema iOS o Android.

In particolare, si possono tenere sempre sotto controllo la percentuale di semi doppi o fallanze per singola fila; la deviazione di ogni fila dai valori di investimento e distanza di semina impostati; le file attive o spente; la mancanza di seme.

Kuhn Italia, un investimento per il futuro

L’azienda con sede in Lombardia – a Melegnano, in provincia di Milano – ha sviluppato la sua tecnologia di macchine agricole intelligenti per fornire attrezzature capaci di soddisfare gli agricoltori nel lungo termine.

In particolare con i suoi andanatori a tappeto – per la raccolta totale e senza impurità del foraggio – e la seminatrice con coltivatore a dischi che permette la semina di cover crop o di cereali in contemporanea con la lavorazione del terreno.

La particolarità della tecnologia di Kuhn Italia è la presenza di una centralina elettronica, un connettore per il collegamento al trattore e un monitor di controllo in cabina che conentono di caricare mappe di applicazione contenenti i quantitativi da distribuire nelle diverse aree dell’appezzamento e di eseguire così la semina a rateo variabile.

Crediti immagine: Depositphotos

MyPlant» Myplant & Garden - international Green Expo è la più importante manifestazione professionale dell'orto-florovivaismo, del paesaggio e del garden in Italia. Punto di riferimento del mercato italiano e protagonista di primo piano di quelli internazionali, la fiera è promotrice della cultura del verde, dell'economia circolare, della tutela ambientale e della progettazione green.
Condividi: