Home Eco Lifestyle Gli 8mila chilometri del Sentiero d’Italia in mostra alla Triennale

Gli 8mila chilometri del Sentiero d’Italia in mostra alla Triennale

È il progetto Va’ Sentiero a mettere in mostra i migliori momenti di uno dei percorsi di trekking più lunghi d’Italia. 100 opere che immortalano le Terre Alte italiane.

100 opere lunghe 8mila chilometri scattate sul dorsale del Sentiero Italia – mantenuto dalle sezioni del Club Alpino Italiano – che collega le aree interne del nostro Paese da Nord a Sud.

Sono questi i presupposti del progetto Va’ Sentiero ora in mostra curata da Rica Cerbarano – anche grazie al contributo di Fondazione Cariplo – alla Triennale di Milano (fino al 7 aprile).

L’idea nasce nel 2019 in testa a Sara Furlanetto, Yuri Basilicò e Andrea Buonopane . Con loro poi hanno camminato via via – nelle 364 tappe – altre persone, che hanno così percorso passo dopo passo in stile slow tourism, le Terre Alte d’Italia alla scoperta di tanta bellezza, luoghi più o meno ameni in contatto con tradizioni e tutta quella gente che vive ancora le montagne italiane.

La mostra fotografica, ovvero il racconto a scatti di questi infiniti chilometri, si sviluppa in due sezioni.

La prima è un viaggio per immagini delle Terre Alte che si snoda attraverso diverse tematiche: dalla natura e la biodiversità, all’antropizzazione, l’impatto umano sui paesaggi e il conseguente abbandono fisico e culturale in cui versano alcune zone, per finire con le identità culturali delle comunità montane attraverso cui emerge un’idea di montagna intesa come cerniera di congiunzione e non barriera di separazione.

La seconda sezione della mostra è dedicata al racconto della spedizione di Va’ Sentiero: accanto a suggestive immagini del cammino che ripercorrono le cinque macro-aree attraversate (arco alpino, Appennino settentrionale, Centro, Sud e Isole), trovano spazio testi esplicativi ma fortemente personali e un video in cui il gruppo di Va’ Sentiero racconta in prima persona l’esperienza attraverso i volti e le voci di Furlanetto, Basilicò e Buonopane.

In libreria e online anche l’omonimo libro edito da Rizzoli.

Condividi: