Home Studenti Green Green Company cercano Green Jobber. E viceversa…

Green Company cercano Green Jobber. E viceversa…

bicocca summer camp

Al Summer Camp “Green Company cercano Green Jobber” organizzato da Edizioni Green Planner in Bicocca, gli studenti hanno preso in mano gli strumenti del mestiere per comunicare e analizzare al meglio il loro posto di lavoro.

Il climate quitting è una tendenza che va indagata a fondo: i fatti dicono che sempre più persone non si fanno scrupoli a licenziarsi, quando constatano che l’azienda per cui lavorano non è coerente con i principi di salvaguardia dell’ambiente.

Sta succedendo a livello mondiale e per noi è un bel segnale perché implica coerenza.

Attenzione a dove si va a lavorare

Diventa, così sempre più importante capire prima di “perdere forze e tempo, in quale azienda si sta andando a lavorare“. Come poterle selezionare? Gli strumenti non mancano.

Ed è quello su cui si è puntato durante il Summer Camp “Green Company cercano green jobber” nel quale la redazione di GreenPlanner ha provato a dare una panoramica di come si sta muovendo, in effetti, il mercato all’interno del percorso sostenibile.

L’importante è avere gli strumenti giusti per leggere se le buone pratiche siano effettive o di facciata. Buona cosa, ovviamente è partire dagli Esdg dichiarati. Ma anche dalle certificazioni sottoscritte.

Chiara Guizzetti, consulente aziendale e giornalista di GreenPlanner, ha ben spiegato agli studenti della magistrale in Biotecnologie questo percorso.

Il SummerCamp in Bicocca

Non è la prima volta che Edizioni Green Planner entra nelle aule universitarie, ma lo scorso 8 e 9 giugno con l’ideazione del Summer Camp “Green Company cercano green jobber” è stato diverso.

L’obiettivo era ragionare con gli studenti della magistrale di biotecnologie su quali sono i parametri da tenere in considerazione quando si sceglie di lavorare con un’azienda e presentare loro anche dei manager che hanno fatto della sostenibilità un valore aziendale.

Ma nello stesso tempo M.Cristina Ceresa, direttore responsabile di GreenPlanner e ideatrice del Summer Camp organizzato sotto l’egida della professoressa Laura Cipolla, qui nel ruolo di coordinatrice didattica del corso di studi in Biotecnologie, ha voluto sollecitare gli studenti stessi a mettersi alla prova per valutare le proprie capacità imprenditoriali, creative e di collaborazione.

Non ultimo è stato importante provare a inquadrare il tema della comunicazione: “un giorno potreste diventare giornalisti scientifici – è il presupposto del direttore – ma comunque sia anche se uesto non sarà il vostro percorso sarà fondamentale sapere esprimere al meglio sé stessi, le proprie idee e le proprie ambizioni“.

Faccia a faccia con le aziende

I testimonial che sono intervenuti al Summer Camp – Monica Casadei, Ceo di Iride Acque; Gherardo Magri, Ceo di Vaillant Italia e Luca Campadello del Consorzio Erion – non hanno  lesinato in consigli ai ragazzi.

E forse neppure uno stage con tirocinio.

Appuntamento a settembre

Intanto, il Summer Camp “Green company cercano Green Jobber” dà appuntamento a settembre, quando i partecipanti potranno iscriversi al tour per visitare un sito produttivo e vivere una giornata di lavoro sul campo.

Condividi: