Home Green Jobs PoliMi, una nuova casa per il Dica (Dipartimento di Ingegneria Civile e...

PoliMi, una nuova casa per il Dica (Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale)

inaugurazione dica polimi

Il Politecnico di Milano inaugura un nuovo edificio e cinque laboratori per il Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale (Dica).

Completata la riqualificazione di 4mila m2 dedicati al Dica. Un investimento complessivo di 12 milioni di euro che ha cambiato volto agli spazi del dipartimento. L’Edificio 4 del Campus di Città Studi completamente ristrutturato e posto al servizio della ricerca, allo scopo di favorire innovazione e sostenibilità.

Il dipartimento punta a comporsi di tante anime riunendo in un unico edificio diversi gruppi di ricerca. Un ambiente multidisciplinare basato sul dialogo tra i diversi saperi.

Per la rettrice dell’ateneo Donatella Sciutol’attività di ricerca di questo dipartimento è centrale per un’Italia duramente colpita dagli effetti dei cambiamenti climatici e che ancora paga per incuria e mala gestione delle infrastrutture civili.

L’ingegneria civile ha il compito fondamentale di trovare soluzioni per garantire la sicurezza di territori, cittadini ed economia; ricerca e tecnologia sono gli unici elementi in grado di aiutarci a prevenire e gestire sfide di questo tipo“.

Il nuovo Dica del Politecnico di Milano

Nel suo decimo anniversario, il Dipartimento ha concluso un lungo processo di riorganizzazione e riqualificazione dei suoi edifici, riunendo in un unico polo quelli che prima erano edifici differenti e distanti.

Le otto sezioni di ricerca ora possiedono una casa comune e ciò potrà contribuire a trasmettere un senso di unità all’interno di un dipartimento cui vocazione vuole essere multidisciplinare e internazionale.

In questo periodo emerge la fragilità dell’ambiente sia naturale che costruito, occorrono quindi interventi che ne aumentino la resilienza in maniera sostenibile e al contempo favoriscano la transizione energetica e il Dica, con le sue competenze, può dare un importante contributo” commenta Attilio Frangi, direttore del Dipartimento.

Cinque nuovi laboratori

Il laboratorio di Ingegneria Ambientale (Lia) sviluppa le tematiche della qualità dell’ambiente (acqua, suolo, aria), del suo inquinamento (chimico, fisico e, in parte, microbiologico) e delle soluzioni tecnologiche di risanamento e depurazione che coniugano efficacia, efficienza, recupero e sostenibilità.

Il laboratorio di Diagnostica e Indagini sui Materiali del Costruito si occupa della caratterizzazione chimica-fisica-meccanica di materiali da costruzione per interventi di restauro, sperimenta nuovi materiali e tecniche di consolidamento nel campo dei Beni Culturali e sviluppa indagini diagnostiche su edifici storici.

Il laboratorio di Microsistemi, Micromeccanica e Misure (M3Lab) effettua prove meccaniche su microsistemi e misure di campo con tecniche di correlazione digitale di immagini.

Il laboratorio interdipartimentale Solid-liquid Interface Nanomicroscopy and Spectroscopy Lab (SoLINano-& Lab) in cui si studieranno i fenomeni chimico-fisici che si esplicano all’interfaccia solido/liquido con applicazione, per esempio, ai processi reattivi di superficie tipici di flussi in mezzi porosi.

La Collezione Petrografica e la parete di roccia che ha scopi prevalentemente didattici e divulgativi. Al suo interno è possibile imparare a riconoscere i principali litotipi e a metterli in relazione con le loro caratteristiche tecniche.

Nel laboratorio è inoltre presente una parete di roccia artificiale sulla quale gli studenti possono esercitarsi a eseguire dei rilevamenti geologico-strutturali. Infine, è presente un modellino idrogeologico, che simula in modo semplificato il flusso in sistemi multi-acquifero tramite l’utilizzo di fluidi colorati.

Comunicare e raccontare

Intervenuto nella presentazione, Stefano Susani – Tecne, Gruppo Autostrade per l’Italia – evidenzia come si sia ancora lontani dal soddisfare il fabbisogno di nuovi ingegneri civili da parte di aziende ed enti.

Ed ecco che tra gli obiettivi fondamentali del dipartimento si pone l’accrescere l’attrattiva della materia mediante una strategia di comunicazione che coinvolga efficacemente gli studenti delle scuole superiori, per aumentare le immatricolazioni.

Condividi: