Home News Acqua potabile: Lazio e Lombardia alla sbarra

Acqua potabile: Lazio e Lombardia alla sbarra

Come Acqua
Immagine da Pixabay

Lazio: accolto dal Consiglio di Stato il ricorso di ClientEarth e Lipu-Birdlife in tema di acque inquinate da fertilizzanti nel Lago di Vico. Lombardia: Greenpeace torna a parlare di Pfas nei rubinetti e lo fa con un evento pubblico il 27 ottobre a Milano.

Una sentenza definitiva del Consiglio di Stato ha ordinato alle autorità di proteggere i cittadini dall’acqua potabile resa tossica dall’uso massiccio dei fertilizzanti impiegati per le coltivazioni dei noccioleti.

In sostanza, la Regione Lazio deve intervenire per salvaguardare il lago di Vico – sito naturale protetto e fonte di acqua potabile – dall’inquinamento catastrofico causato dalla coltivazione intensiva di nocciole nella zona.

È una vittoria per la salute delle persone e della natura, esultano ClientEarth e Lipu-Birdlife Italia che avevano presentato ricorso nel maggio scorso contro la Regione Lazio, dopo che la causa iniziale dei gruppi contro le autorità era stata respinta all’inizio dello stesso anno.

Il Consiglio di Stato ha ritenuto che la Regione Lazio abbia violato la legge per non aver adottato le misure necessarie a proteggere il lago di Vico e le persone che dipendono dalle sue risorse da condizioni ambientali tossiche. Alla Regione Lazio sono stati concessi 60 giorni per prendere provvedimenti.

ClientEarth e Lipu-BirdLife Italia sostenevano che la Regione sarebbe dovuta intervenire in quanto le autorità locali non avevano affrontato le condizioni dannose del lago di Vico causate dal continuo accumulo di fertilizzanti utilizzati per le piantagioni intensive di nocciole.

Queste condizioni tossiche, causate da massicce fioriture di alghe rosse, sono dannose sia per le persone che per l’ambiente, uccidendo la natura e la fauna selvatica e rendendo l’acqua – normalmente utilizzata per il consumo pubblico – non potabile.

I Pfas nei rubinetti della Lombardia

In Lombardia è ancora molto alta la tensione tra GreenPeace e i vertici della Regione che non ammettono i dati sulla presenza di Pfas nelle acque rilevati dall’associazione ambientalista.

Greenpeace Italia ha di recente lanciato l’allarme sulla presenza di queste sostanze anche nelle acque di molti comuni lombardi, tra cui Milano.

Per parlare di questa situazione, capirne di più su queste sostanze e se esistono soluzioni per evitarne l’utilizzo, Greenpeace Italia insieme a Fashion Revolution ha organizzano un incontro pubblico e gratuito (previa registrazione) venerdì 27 ottobre a Milano, a partire dalle ore 18:30 presso l’Arci Bellezza (M3 Porta Romana).

Condividi: