Home Enogastronomia Luppolo made in Italy: ecco il segreto della birra Carlsberg Italia

Luppolo made in Italy: ecco il segreto della birra Carlsberg Italia

luppolo al birrificio poretti

La birra è un elemento di continua ricerca. In Carlsberg Italia è il luppolo a fare la differenza. A partire dalla coltivazione locale.

Alla domanda: “ma quindi prevedete nuovi sviluppi per questo sito?“, Olivier Dubost, managing director di Carlsberg Italia, allarga un sorriso che la dice tutta.

È da più di un anno che Dubost ha a cuore le sorti di uno dei birrifici più antichi della Lombardia (Angelo Poretti lo inaugurò nel 1877 in quel di Induno Olona, in una valle ai confini di Varese dove c’era tutto il necessario per produrre un’ottima birra).

Ora la forza del gruppo danese Carlsberg permette importante crescite. Magari anche per acquisizioni. Dubost ne ha ben donde: nello stabilimento in stile Liberty industriale (che abbiamo potuto visitare in occasione di un open day) echeggia la bella storia di questa birra italiana, sempre alla prese con la ricerca.

Ora il focus è il luppolo che può diventare un tema utile anche agli agricoltori italiani alla scoperta di nuove culture da testare. Non è un caso se Italian Hops Company – azienda impegnata dal 2014 nella produzione e commercializzazione di luppolo – sta lavorando con Carlsberg Italia dal 2018 per testare le diverse varietà di luppoli tra le 300 provenienti da ogni parte del mondo e trovare la varietà di luppolo che meglio darà buoni frutti in Italia.

Come il Cascade, di origine americana, che oggi è coltivato anche nel nostro Paese. Grazie alla ricerca e alla selezione del luppolo (una volta si lavorava più sui lieviti come racconta Serena Savoca, direttore marketing & corporate affairs di Carlsberg Italia) la gamma è stata rinnovata, perfezionando le ricette, fra cui spicca la nuova birra 9 Luppoli Ipa.

Ma la parola ora la diamo a un mastro birraio per capire la lunga e delicata fase di produzione della birra. La cornice è quella della Sala Cottura: la stanza dei bottoni di questo stabilimento che sa di museo vissuto.

Condividi: