Home News Alla Cop28 un appello per un approccio coordinato per affrontare i cambiamenti...

Alla Cop28 un appello per un approccio coordinato per affrontare i cambiamenti climatici

cop28

Si avvicina la conferenza delle parti numero 28 (Cop28), con una sempre maggior urgenza di affrontare la lotta ai cambiamenti climatici: per questo i presidenti dei tre appuntamenti prossimi – Alain-Richard Donwahi, Sameh Shoukry e Huang Runqiu – firmano un appello congiunto per affrontare i problemi climatici.

Dalla Cop21 di Parigi che portò all’accordo sul clima omonimo, poco si è smosso nelle conferenze successive: in questi ultimi 7 anni la situazione non è poi cambiata molto e la collaborazione tra i vari Paesi ha fatto pochi passi in avanti.

Ora, in vista della Cop28 di Dubai – location che definire sostenibile è quantomeno utopistico – viene firmato un appello congiunto per spronare le nazioni partecipanti a un approccio coordinato che affronti realmente i cambiamenti climatici, la desertificazione e la perdita della biodiversità del Pianeta.

La richiesta arriva da Alain-Richard Donwahi, ex ministro delle Acque e delle Foreste della Repubblica della Costa d’Avorio e presidente della Cop15 della Convenzione delle Nazioni Unite sulla lotta alla desertificazione (Unccd), Sameh Shoukry, ministro degli Affari Esteri dell’Egitto e presidente della Cop27 della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (Unfccc) e Huang Runqiu, ministro dell’Ecologia e dell’Ambiente della Repubblica Popolare Cinese e presidente della Cop15 della Convenzione sulla Diversità Biologica (Cbd).

L’appello congiunto sottolinea l’urgenza della situazione e gli inestricabili legami tra cambiamento climatico, desertificazione e perdita di biodiversità; rimarcando la necessità di una maggiore cooperazione tra le tre Cop e i loro segretariati.

Un segnale che la scelta presa nel 1992 durante la Cop di Rio di creare tre diverse convenzioni per combattere il cambiamento climatico, arrestare la desertificazione e prevenire la perdita di biodiversità, deve prevedere oggi una maggiore collaborazione, una visione olistica e un approccio coordinato.

Condividi: