Home Eco Lifestyle Rigenerazione urbana a Milano il mercato e le ultime innovazioni

Rigenerazione urbana a Milano il mercato e le ultime innovazioni

rigenerazione urbana
Immagine da Pixabay

La rigenerazione urbana è uno dei fattori che consente alle città di essere più sostenibili: Milano, in questo, punta all’eccellenza.

Abitare a Milano significa adattarsi a uno stile di vita diverso da tutte le altre città, persino nell’hinterland della provincia. Ma la locomotiva d’Italia può anche andare a passo d’uomo, reggendo bene l’ondata di cambiamento che prevede più sostenibilità e rigenerazione urbana.

Tra studi, ricerche e innovazioni, il capoluogo lombardo si prepara a una riqualificazione interna di tutto rispetto.

Il mercato della rigenerazione urbana

A Milano il mercato della rigenerazione urbana può valere fino a 30 miliardi di euro. Gli ambiti interessano una superficie di circa 9,5 chilometri quadrati e una superficie lorda pari a poco oltre i 5 milioni di metri quadri.

Entro il 2050 le stime parlano invece di 920 chilometri quadrati di superficie territoriale da rigenerare a livello nazionale, di cui 193 in Lombardia, per oltre 350 milioni di metri quadri di superficie lorda edificabile.

I dati sono emersi nel convegno Rigenerazione urbana e sostenibilità: contesto, sfide e visione di lungo termine, organizzato da Deloitte a Milano.

Secondo le stime raccolte da Coima, per effettuare la transizione energetica del patrimonio immobiliare esistente, portandolo a zero emissioni entro il 2050, sono necessari oltre due miliardi di euro per rinnovare circa 5,3 miliardi di metri quadrati di superficie.

Se inoltre si considerano la maggior parte dei condomini costruiti tra gli anni Settanta e Ottanta – spiega Anaci Milano durante il recente Anaci Day – a Milano possiamo evincere come il 70 percento dei condomini dovrà essere completamente riqualificato con un impatto economico mostruoso.

Forrest in Town a Milano

Forrest in Town, a Milano, è un progetto di riqualificazione urbana del Gruppo Building che in meno di tre anni ha trasformato l’ex Cascina Galbani in un borgo residenziale green.

Il progetto di rigenerazione urbana si sviluppa sul modello del condominio orizzontale, con due o tre piani fuori terra.

Il complesso residenziale prevede ambienti privati affacciati su un parco di 4.500 metri quadrati e un orto aeroponico condominiale seminterrato (il primo in città) che sfrutta la tecnologia brevettata da Agricooltur.

Gli ortaggi e le verdure così coltivati a chilometro zero, inoltre, saranno acquistabili dai condomini con un’app dedicata.

Questa rigenerazione urbana interpreta un nuovo modo di abitare a Milano e vivere la casa, grazie a importanti tecnologie e innovazioni che proiettano nel futuro lo spirito di un borgo residenziale d’epoca.

Tecniche e strumenti in grado di fare grandi passi avanti, per convertire Milano all’insegna della sostenibilità.

Condividi: