Home Enogastronomia Pranzo di Natale sostenibile tra offerte e iniziative di fine anno

Pranzo di Natale sostenibile tra offerte e iniziative di fine anno

pranzo natale
Immagine da Pixabay

Il pranzo di Natale può essere svolto nel calore delle festività e all’insegna della salute della sostenibilità ambientale e animale

Che si passi tra il calore della folla nei ristoranti o nell’intimo focolare domestico insieme ai familiari più ristretti, il pranzo di Natale è una tradizione irrinunciabile. I piatti prelibati e le preparazioni gastronomiche possono però essere cucinati anche all’insegna della salute e della sostenibilità, sia ambientale sia animale.

Basta guardarsi intorno con oculatezza ed essere coerenti con alcune scelte sostenibili, in grado di fare la differenza anche in lieti giorni dove la leggerezza e la felicità dovrebbero essere diritti da vivere in pieno.

Il pranzo di Natale al ristorante

Secondo un sondaggio effettuato da TheFork, il 47 percento degli intervistati dichiara che trascorrerà il pranzo di Natale al ristorante. Il dato arriva in un periodo economico non semplice, ma che è anche indice della voglia di non rinunciare a grandi tavolate in compagnia senza lo sforzo di armeggiare sui fornelli di casa.

L’80 percento dichiara di preferire esperienze da vivere, dai tour gastronomici alle cene, mentre la maggior parte (58 percento) opta per la cucina tradizionale. TheFork stila anche un elenco di 10 ristoranti che possono deliziare ogni tipo di palato, con prezzi che oscillano tra 130 e 45 euro.

Sono sparsi per tutta Italia: Sette Cucina Urbana (Milano); Aquarius (Monza), Ristrot Guviol (Torino), Agriturismo Raethia (Valdidentro), Fourghetti (Bologna), Konnubio Via dei Conti (Firenze), Bivium (Roma), Michelasso (Napoli), Enosteria Sicula (Palermo), La locanda di Federico (Bari).

I suggerimenti di Cortilia

Cortilia offre sette grandi suggerimenti, da attuare con prodotti della piattaforma online, in occasione del pranzo di Natale per chi invece sceglie di farlo a casa, con parenti o amici.

Ci sono per esempio dei centritavola da poter realizzare con ghirlande di fette d’arancia essiccate. Oppure segnaposti da mangiare e fatti di biscotti Bio Cortilia.

Si può dividere il menù per chi ama tortellini in brodo, pollo, cotechino e salumi oppure, per chi appartiene al team veggy, insalata russa vegetale bio, peperoni crudi e altre verdure.

Per cacce al tesoro riservate ai più piccoli Cortilia può offrire fichi ricoperti di cioccolato fondente, mini tartufi ai tre cioccolati o biscotti al burro da cercare e trovare per casa.

Per il dolce si può scegliere tra panettone e pandoro, mentre il post è rigorosamente fatto da caffè o grappa bianca.

Per regali dell’ultimo minuto, a pochissimi giorni dal pranzo di Natale, un tris di bollicine in festa e gin con scatole regalo sostenibili ed ecologiche.

I piatti a base di pesce sostenibile

In Italia ci sono 40 specie di pesce certificate secondo standard di pesca sostenibile di Marine Stewardship Council.

Per il pranzo di Natale si può quindi scegliere tra queste, considerando soprattutto che si tratta dei cosiddetti Blue Food, ricchi di zinco, ferro, vitamine A e B12 e grassi omega-3.

Il pesce pescato ha inoltre un decimo della quantità di anidride carbonica associata alla carne rossa. La sostenibilità siede a tavola con noi per tutte le vacanze natalizie. Diventando un must have anche per il pranzo di Natale.

Condividi: