Home Tecnologie Las Vegas sarà capitale dell’innovazione per la settimana del Ces 2024

Las Vegas sarà capitale dell’innovazione per la settimana del Ces 2024

ces 2024 las vegas

Dal 9 al 12 gennaio Las Vegas metterà in secondo piano il gioco d’azzardo per diventare il fulcro dell’innovazione tecnologica: al Ces – Consumer Electronics Show – 2024 protagonisti saranno certamente l’intelligenza artificiale e le applicazioni per la sostenibilità

Il Ces 2024 sarà uno show in grande stile, come solo gli americani sono capaci di fare, che metterà in vetrina soprattutto le applicazioni di intelligenza artificiale che si apprestano a cambiare il modo di lavorare, produrre, analizzare e gestire.

Dalla salute alla finanza, dalle operation robotizzate fino a tutte quelle applicazioni che promettono di ridurre i consumi energetici e di rendere più efficiente l’agricoltura e l’allevamento.

Tra le tante aziende che interverrranno alla fiera da tutto il mondo ci sarà anche un pezzetto – nemmeno tanto piccolo – di Italia, che sarà rappresentata da 50 startup, provenienti da 13 regioni, che compongono la delegazione italiana, localizzate nell’Eureka Park in un’area loro dedicata di 600 metri quadrati.

Le soluzioni innovative che guardano alla sostenibilità

La missione italiana sarà guidata dall’Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane (Ice) e al suo interno sono ben 9 le startup che propongono soluzioni per la sostenibilità: 3dnextech, Levante, ReAir, Sunspeker, The Thinking Clouds, Sam, Powandgo, NExT, ganiga.

Tra gli stand italiani si potranno conoscere tante soluzioni per rendere smart le case e le città, grazie all’automazione, alla sensoristica avanzata, a nuovi modi di concepire la mobilità, dalla logistica aerea al trasporto pubblico su strada modulare.

Ma anche applicazioni per Web3 e blockchain che supportano l’agrifood tracciando le filiere, la gestione di documenti notarili, il marketing.

Infine, ci saranno anche le innovazioni della digital health e i supporti per l’accessibilità motoria e digitale: dalla biopsia virtuale dell’architettura ossea alle carrozzine self-driving per gli aeroporti.

padiglione italia al ces 2024

Ecco quali sono le startup che propongono soluzioni per la sostenibilità.

3DNextech di Livorno, che sviluppa macchinari basati su una tecnologia brevettata che migliora le caratteristiche fisiche degli oggetti in plastica stampati in 3D, rendendoli paragonabili ai prodotti dello stampaggio a iniezione.

Levante di Milano, che ha creato il pannello solare portatile e modulare Origami in fibra di carbonio riciclata, pieghevole e in grado di produrre fino a 500W di energia, adatto a un uso in mobilità.

Reair di Milano che elimina lo smog e purifica l’aria inquinata delle grandi città impiegando una tecnologia innovativa basata sul principio della fotocatalisi. Attraverso l’utilizzo di coating fotocatalitici trasparenti e inodore che non alterano il colore e l’aspetto delle superfici, si possono abbattere microrganismi nocivi e NOx.

Sunspeker di Torino che crea rivestimenti estetici per pannelli solari, in grado di preservarne l’efficienza tutelando il patrimonio artistico, storico e paesaggistico, e rendendo possibile l’applicazione di affissioni pubblicitarie.

The Thinking Clouds di Benevento che ha sviluppato Greenia, una piattaforma Ai di microlearning e comunicazione che fornisce in linguaggio naturale pillole formative in linea con gli obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030.

Sam (Smart Agriculture Method) di Sassari ha creato una piattaforma di supporto alle decisioni per l’agricoltura in grado di incrociare i dati provenienti da droni, stazioni agro-meteorologiche e satelliti per ottimizzare le risorse, fornendo indicazioni su quanta acqua distribuire, dove trattare o fertilizzare in base alle esatte esigenze delle colture.

Powandgo di Brescia ha sviluppato una piattaforma che connette gli utenti privati e le attività commerciali dotate di colonnine di ricarica con chi ha bisogno di ricaricare auto elettriche o ibride plug-in. La condivisione delle stazioni offre ai proprietari un introito limitando i costi per gli automobilisti, mentre la piattaforma consente di aggregare più colonnine private in un’unica interfaccia.

NexT di Padova è un sistema di trasporto intelligente avanzato basato su flotte di veicoli elettrici modulari. Ogni modulo può unirsi e staccarsi da altri moduli su normali strade urbane. Quando si uniscono, i moduli creano un’area aperta tra loro, simile a un autobus, consentendo ai passeggeri di stare in piedi e camminare da un modulo all’altro.

Ganiga di Bientina (Pisa) che ha brevettato Hoooly, un cestino smart che comunica con il cittadino, differenziando in automatico i suoi rifiuti e creando statistiche e dati grazie all’intelligenza artificiale, permettendo l’avviso e la pianificazione di un percorso ottimizzato di svuotamento dei cestini.

Condividi: