Home Eventi Un Challenge rivolto ai giovani: accettate la sfida dell’agroecologia per cambiare il...

Un Challenge rivolto ai giovani: accettate la sfida dell’agroecologia per cambiare il mondo?

agroecologia

Associazioni e Ong italiane lanciano una sfida ai giovani attraverso il progetto Challenge e l’agroecologia, per diffondere conoscenze e sostenere forme di partecipazione attiva che aiutino ad adottare stili di consumo e di produzione più sostenibili

Studenti, insegnanti, famiglie e istituzioni sono chiamate all’azione e a mettersi in gioco direttamente, accettando la sfida di varie associazioni italiane che attraverso il progetto Challenge vogliono stimolare una partecipazione attiva per cambiare, in modo più sostenibile, il mondo in cui viviamo.

Così, Deafal, Acra, Reattiva, Mani Tese, Open Impact, Terra Nuova, Altraeconomia, Wwoof Italia, aiutati dall’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo, hanno organizzato un festival itinerante tra Africa e Italia, coinvolgendo città e territori in tante e diverse attività a favore dell’ambiente attraverso un progetto di educazione alla cittadinanza globale.

Challenge, avviato nel 2023, giunge a una fase decisiva con l’inizio di un festival itinerante che parte con la prima tappa del Burkina Faso a fine febbraio e arriverà a toccare 5 regioni italiane, in primavera.

Il tema centrale di questa iniziativa, rivolta soprattutto ai giovani, è la diffusione attraverso l’agroecologia di conoscenze, comportamenti e forme di partecipazione attiva per stimolare i cittadini all’adozione di stili di consumo e di produzione sostenibili.

Prima tappa di questo festival agroecologico sarà il Burkina Faso: “alcune delle organizzazioni che realizzano il progetto Challenge sono membri di Azione Terrae – coalizione per la transizione agroecologica, all’interno della quale condividono un percorso di riflessione, formazione e azione sull’importante ruolo dell’agroecologia nella cooperazione internazionale” spiega Susanna Debenedetti, capo progetto di Deafal.

Challengetutte le informazioni sono disponibili online – coinvolgerà oltre 4.600 studenti di 40 scuole italiane secondarie inferiori e superiori in laboratori di educazione ambientale e visite presso aziende agricole del territorio che operano in un’ottica agroecologica.

Tutte le attività dedicate ai giovani hanno lo scopo di far scoprire loro l’importante interconnessione e il delicato equilibrio che lega tutti gli esseri viventi.

Condividi: