Home Eco Lifestyle Istria slovena, una meta sempre più Green

Istria slovena, una meta sempre più Green

slovenia
Immagine di Jaka Ivančič

I 50 chilometri circa della costa istriana della Slovenia sono una meta adatta tutto l’anno. Ecco tutti i dettagli che la consigliano perché sostenibile

La Slovenia che si affaccia sul mare Adriatico è una meta che a breve potrebbe essere raggiunta ancora più facilmente dai turisti italiani, ovvero con un treno diretto e veloce Milano-Lubiana (fermata Trieste).

Lo stanno aspettando – e per questo sollecitano Fs TreniItalia che si era detta favorevole – gli enti del turismo di questa fascia identificata come Istria slovena che ha da offrire molte attrazioni, a cominciare dai suoi 50km circa di costa (subito dopo Muggia, alla periferia est di Trieste, si spinge fino alle saline di Sicciole, al confine con la Croazia, a pochi chilometri da Umago).

Intanto anche Ryanair ha preso la decisione di far diventare Trieste Airport base verso questa meta. E come dice Patricija Gržinič, direttrice dell’Ente del Turismo di Portorose e Pirano: “poi ogni nostro albergo metterà a disposizione un transfer“.

Quindi, si può ben fare a meno di scegliere l’automobile come mezzo per andare in Slovenia (zona di Istria compresa) o, ancora, se si possiede un’auto elettrica, basta collegarsi al sito dell’ente del turismo di Portorose per programmare una vacanza serena.

Ed ecosostenibile (per questo magari scegliere le strutture che mostrano il logo Slovenia Green). Per il resto le bandiere Blu non mancano a Capodistria, Isola e Pirano.

Ad analizzare i dati rilasciati dall’ente del turismo, dopo Austria e Germania, è proprio il turista italiano ad apprezzare queste terre dove l’italiano è la seconda lingua naturale, parlata quindi da tutti.

Il periodo migliore per organizzare una vacanza da queste parti dunque quale potrebbe essere? “Ormai siamo pronti ad accogliere i turisti tutto l’anno – risponde Aljoša Ota, direttore dell’Ente sloveno per il Turismo che spiega come si sia destagionalizzato il turismo anche forse per i cambiamenti climatici, che hanno reso il clima un po’ più dolce anche in inverno.

E a guardare il calendario eventi non mancano attività che hanno a che fare con la natura e la storia tutto l’anno come la festa dei salinai (e del loro protettore San Giorgio) o tutte le ricorrenze legate alle coltivazioni locali: vino, bietola, aglio.

La Baia della luna
Immagine di Jaka-Ivančič

Perché in Istria slovena si può andare per stare nel verde dei parchi (tra cui spicca quello naturale di Strugnano); sulle spiagge di Capodistria (qui molto organizzata anche una spiaggia per cani), Portorose o Pirano; o anche per immergersi alle terme come quelle al sale di Lepa Vida.

Condividi: