Home Eco Lifestyle Il segreto per vincere la pigrizia? Camminare in gruppo nel verde

Il segreto per vincere la pigrizia? Camminare in gruppo nel verde

camminare nel verde
Immagine da Depositphotos

Camminare nei boschi e in generale nel verde fa bene all’umore, migliora la condizione fisica e permette di affinare il senso di empatia. Spesso, però, può prevalere la pigrizia e alla fine si preferisce restare nella propria comfort zone

Il sistema più facile per sconfiggere la tentazione del divano è, probabilmente, entrare in un gruppo di appassionati con cui andare a camminare, che al bisogno ci può trascinare e stimolare.

È quello che fanno le community di hiking che, seppure lentamente, si stanno diffondendo anche nel nostro Paese. Stare nella natura, infatti, fa bene, tanto al corpo quanto alla mente.

Probabilmente, però, fa ancora meglio associarsi a una comunità di escursionisti con cui condividere la passione per le camminate e le esplorazioni all’aperto. In effetti, grazie ai social e a varie piattaforme anche nel nostro Paese si stanno creando delle reti di appassionati che praticano quello che nei Paesi anglosassoni viene definito community hiking, una forma comunitaria di esperienza della natura.

I benefici che derivano dall’associarsi a una di queste comunità sono molteplici. In primo luogo, queste comunità danno supporto e riferimenti alle persone che vogliono fare escursioni all’aria aperta assieme ad altri.

Organizzano regolarmente uscite di gruppo, gite ed eventi che permettono ai membri di esplorare insieme nuovi sentieri e destinazioni, condividendo informazioni e scambiando esperienze.

Inoltre, i principianti che praticano il community hiking possono imparare dagli escursionisti più esperti e acquisire più rapidamente le competenze e le conoscenze che servono per avventurarsi senza rischi nei boschi e sulle montagne.

Fatto non trascurabile, i costi per praticare questo tipo di attività sono in genere molto bassi, e anche associarsi a qualche gruppo non comporta di solito esborsi eccessivi.

Come abbiamo detto, camminare nella natura fa bene e in effetti chi pratica l’hiking comunitario rileva un abbassamento dei livelli di stress e un miglioramento della propria condizione fisica.

Inoltre, il fatto di fare parte di un gruppo aiuta le persone a vincere quella pigrizia che spesso è l’ostacolo principale per chi vuole fare movimento, aiutando le persone a uscire all’aperto più di quanto potrebbero fare da sole.

Ancora, queste comunità tendono a essere accoglienti e inclusive, incoraggiando la partecipazione a prescindere dal livello di esperienza o dall’equipaggiamento e svolgono un ruolo nella promozione di una modalità di fruizione dell’outdoor sostenibile e responsabile, sottolineando l’importanza di rispettare la natura e di non lasciare tracce.

Possono poi lavorare per migliorare l’accesso ai sentieri e sostenere lo sviluppo di nuove destinazioni escursionistiche. Quindi, cercate online o grazie al passaparola un gruppo di appassionati con cui condividere il vostro amore per la natura e iniziate a camminare!

Crediti immagine: Depositphotos

Condividi: