Home Energy and Mobility Aree idonee e installazioni fotovoltaiche: le preoccupazioni di Coordinamento Free

Aree idonee e installazioni fotovoltaiche: le preoccupazioni di Coordinamento Free

fonti rinnovabili
Immagine da Depositphotos

Siamo in ritardo sulla roadmap di installazione di nuovi impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili e il Decreto Agricoltura, per il Coordinamento Free, rischia di complicare ulteriormente le cose, con un aggravio di costi per l’energia che ricadrà su cittadini e imprese

I temi sul tavolo sono sempre gli stessi: la necessità di decarbonizzare la nostra industria, la capacità di essere autosufficienti e indipendenti nella generazione di energia e, infine, riuscire a mitigare i costi dell’energia per le imprese e i cittadini.

Come farlo è stato indicato anche dall’Europa: installare impianti di generazione energetica da fonti rinnovabili. Purtroppo, una complicazione su questo cammino arriva anche dalla bozza del decreto sulle aree idonee.

Indugiare sulle rinnovabili farà aumentare i costi energetici per cittadini e imprese

Ecco la lettera aperta che Coordinamento Free – Coordinamento Fonti Rinnovabili ed Efficienza Energetica – l’associazione che raccoglie  enti e associazioni che operano in qiesti settori e che promuovono lo sviluppo delle rinnovabili e dell’efficienza energetica ha inviato a GreenPlanner.

Nel 2022 l’impennata dei costi energetici è costata, a cittadini e imprese, più di 100 miliardi di euro e le dichiarazioni di quel periodo erano tutte improntate alla necessità di diversificazione degli approvvigionamenti di gas ma, soprattutto, alla necessità di aumentare l’indipendenza dall’estero, con la realizzazioni di impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili – afferma il presidente del Coordinamento Free, Attilio Piattelli.

Questa esigenza è stata tradotta all’istante dall’Europa con il provvedimento RePoweEu che prevedeva la diversificazione degli approvvigionamenti e l’incremento degli obiettivi per le rinnovabili al 2030.

Su questa scia, il ministro Pichetto Fratin, al recente vertice G7 su energia e clima che si è svolto a Torino, ha fatto dichiarazioni sulla volontà da parte dell’Italia di triplicare entro il 2030 le installazioni delle rinnovabili. Ciò significa, se la matematica non è un’opinione, realizzare circa 140 GW di nuovi impianti in 7 anni, 20 GW all’anno.

Già oggi siamo fuori rotta rispetto alle previsioni del Pniec, che peraltro continua a non tenere in conto gli obiettivi del RePowerEu. L’anno scorso è stata installata nuova potenza rinnovabile per soli 5,8 GW a fronte di una necessità di almeno 10-12 GW/a, ma ora con il Decreto Agricoltura di qualche settimana fa e l’accordo di venerdì scorso tra Mase e Regioni sul decreto aree idonee, invece di avere un’accelerazione, assisteremo a una brusca frenata delle rinnovabili.

Infatti – prosegue Piattelli – il Decreto Agricoltura ha introdotto forti limitazioni alla realizzazione degli impianti fotovoltaici a terra su terreni agricoli, a prescindere dal fatto che questi terreni siano coltivati o abbandonati o degradati.

L’accordo di venerdì scorso sul Decreto Aree Idonee, non sembra salvare i procedimenti autorizzativi già in corso, smentendo tutte le dichiarazioni ufficiali fatte, e non fa salve le aree idonee richiamate nel Decreto L.gs. 199/2021 e lascia ampia libertà alle regioni di poter modificare le aree non idonee introducendo una fascia di rispetto da siti tutelati o di particolare pregio, che può arrivare anche a essere di 7 km, con il serio rischio anche di avere criteri di individuazione delle aree non idonee molto diversi tra le varie regioni.

Tradotto, si aumenta il caos normativo, quando il provvedimento sulle aree idonee avrebbe dovuto ridurlo.

Questi provvedimenti, se non modificati tempestivamente, causeranno inevitabilmente la riduzione delle nuove installazioni, anziché il loro aumento, e produrranno un incremento dei costi autorizzativi, burocratici e dei terreni che ricadrà nuovamente a carico di famiglie e imprese – conclude Piattelli.

Il Coordinamento Free, in rappresentanza di tutte le associazioni che ne fanno parte, protesta vivamente e ritiene sia urgente e doveroso un intervento del Governo per correggere la bozza di Decreto aree idonee, arrivando a una soluzione costruttiva e concertata con tutti gli attori chiamati a dare un contributo per il raggiungimento dei target di decarbonizzazione che l’Italia ha sottoscritto e inserito nel Pnrr, anche come condizione per ricevere i finanziamenti europei già concordati e i prossimi“.

Crediti immagine: Depositphotos

Condividi: