Home Energy and Mobility Una tecnologia laser per riciclare le batterie su scala industriale

Una tecnologia laser per riciclare le batterie su scala industriale

trumpf riciclo batterie

Le batterie agli ioni di litio, utilizzate nelle auto elettriche, contengono materiali preziosi come litio, cobalto, nichel e manganese, ma separarli e recuperarli in modo efficace è tecnicamente complesso. Ecco perché la tecnologia al laser di Trumpf è interessante per un riciclo su scala industriale

Il principale ostacolo per un riciclo su scala industriale delle batterie delle auto elettriche è rappresentato dalla combinazione di costi elevati e complessità tecnologica: per superare questi problemi serve una combinazione di innovazioni tecnologiche, investimenti in nuove infrastrutture e politiche di supporto che incentivino il riciclo e riducano i costi associati.

Finora lo smontaggio delle batterie delle auto elettriche è stato un processo manuale, laborioso, lento e talvolta pericoloso per i lavoratori. Questo rende l’estrazione delle materie prime contenute nelle batterie – cobalto, litio, nichel – costosa e non sempre sostenibile.

Inoltre, i produttori devono utilizzare catene di approvvigionamento lunghe e incerte, mentre la normativa europea spinge per raggiungere un tasso di riciclo delle batterie fino al 90%.

Per dare dei numeri, in Europa, l’industria dovrà riciclare 570.000 tonnellate all’anno di materiale per batterie a partire dal 2030. Senza processi industriali su larga scala questo obiettivo sarà molto difficile da raggiungere.

Ecco perché è interessante la tecnologia dell’azienda tedesca Trumpf che sviluppa sistemi laser che tagliano le batterie usate in modo sicuro e rimuovono le materie prime di valore dalla lamina.

I processi laser possono rimuovere lo strato sottilissimo dalla lamina con precisione e in modo sicuro, permettendo la raccolta delle materie prime importanti e il loro riutilizzo per i nuovi rivestimenti.

La tecnologia laser è l’unico modo per garantire uno smontaggio efficiente e automatizzato, per esempio per rimuovere le coperture dalle batterie o tagliare i cavi. Le materie prime possono poi essere selezionate e le celle della batteria ancora utilizzabili possono essere separate e riutilizzate direttamente.

Un ulteriore sviluppo tecnologico che aiuterà l’industria automobilistica a proseguire sulla strada della transizione ecologica, attivando anche opportunità di sviluppo industria nel settore del recupero e del riuso delle batterie per auto.

Condividi: