Home Imprese Sostenibili Addio alla vecchia borsa di plastica per la spesa

Addio alla vecchia borsa di plastica per la spesa

sacchetto di plastica

sacchetto di plasticaVecchia borsa di plastica per la spesa, addio. Dallo scorso 21 agosto, se lo shopper non è in regola, ossia compostabile e adatto per la raccolta dell’umido o in plastica riutilizzabile, di vari spessori, scattano le sanzioni.

Al via da oggi dal mercato di via Calvi a Milano la campagna per informare i 31mila negozi e ambulanti milanesi e provincia: saranno contattati nei prossimi giorni via e-mail, con i notiziari dell’associazione, newsletter, con internet e una campagna social. Saranno informati con una brochure e un video tutorial.

Lo shopper amico dell’ambiente è già diffuso, la campagna tocca chi non si è ancora messo in regola, per evitare le sanzioni previste per legge che saranno applicate dalla Camera di commercio. Per i milanesi c’è impegno ambientale ed è in crescita. Sono stati sentiti dalla Camera di commercio in una indagine di fine ottobre e inizio novembre circa 500 milanesi.

Raccolta differenziata: i milanesi dedicano 24 ore all’anno. Per la raccolta differenziata in media i milanesi dedicano 4 minuti al giorno, pari a un giorno intero all’anno (24 ore). Apprezzata per i vantaggi ambientali per 8 su 10, ai primi posti carta e plastica, ma anche la raccolta dell’umido è apprezzata da 3 su 5.

Il sacchetto di plastica è in minoranza per fare la spesa, usato da 1 su 3, prevale la borsa propria per 3 su 5. Il sacchetto di plastica è limitato in casa e quasi nella metà dei casi viene riutilizzato per la spesa o per trasporto di oggetti.

“Grazie a questa campagna” ha dichiarato Massimo Ferlini, membro di giunta della Camera di commercio di Milano “Camera di commercio e Confcommercio tutelano le imprese da un lato e la collettività dall’altro. L’obiettivo è di non compromettere la raccolta dell’umido con sacchetti che in realtà non sono biodegradabili. Una campagna rivolta a chi ancora non è informato e ora in difficoltà. Un orientamento anche per il consumatore a utilizzare i sacchetti corretti per la raccolta dell’umido”.

“Come Confcommercio” rileva Giacomo Errico, vicepresidente della Confcommercio milanese (e presidente milanese Apeca e nazionale Fiva Confcommercio degli operatori ambulanti) “riteniamo sia importante aiutare le imprese a conoscere una normativa che ci rende più consapevoli della tutela dell’ambiente. È una legge che punta all’efficacia dei comportamenti perché, sul piano sanzionatorio, equipara chi vende i sacchetti non a norma con chi li offre gratuitamente”.

“Sappiamo che la coscienza ambientale dei milanesi è sempre più consapevole e viva, come pure il sentimento di rispetto per la legge sugli shopper che questa campagna di Confcommercio e Camera di commercio di Milano contribuirà certamente a rafforzare. Utilizzare i sacchetti in bioplastica compostabile significa contribuire alla raccolta differenziata degli scarti alimentari, recuperando risorse e riciclando i rifiuti. Questa è la base della bioeconomia, possibile motore per lo sviluppo sostenibile e per la crescita occupazionale nel nostro Paese” ha dichiarato Marco Versari, Presidente di Assobioplastiche.

Condividi: