Home Curiosità Nuove restrizioni sul carbone in Cina

Nuove restrizioni sul carbone in Cina

città: - pubblicato il:
cina stop al carbone

cina stop al carboneNuove restrizioni, in Cina, sulla qualità del carbone.

A partire dal prossimo 1 luglio, sia il carbone importato che quello prodotto internamente dovranno rispondere a criteri di qualità ancora più stretti rispetto a quelli in vigore che richiedono una presenza di zolfo inferiore al 3% e di cenere inferiore al 40%.

Le nuove restrizioni sulla qualità, entrate in vigore dall’inizio del 2015 hanno già colpito le importazioni.

A risentire maggiormente delle restrizioni sono l’Indonesia, che ha assistito a un crollo del 47% del carbone esportato in Cina su base annua nei primi tre mesi dell’anno, ai livelli più bassi dal 2011, e l’Australia, che a maggio ha segnato un calo delle esportazioni nel gigante asiatico del 37,6% rispetto allo stesso periodo del 2014, a 4,89 milioni di tonnellate.

I controlli sulla qualità del carbone introdotti dal China Inspection and Quarantine Bureau hanno già prodotto i primi risultati, nei primi sei mesi dell’anno: cargo provenienti da Sudafrica, Vietnam, Australia e Indonesia sono stati respinti all’arrivo sulle coste cinesi perché il carico non rispettava i nuovi standard sulla pulizia del carbone.

Il settore del carbone in Cina sta subendo da mesi i contraccolpi delle restrizioni governative e della scarsa domanda e si calcola che circa il 70% delle aziende interne del settore abbia presentato bilanci in rosso nel 2014, il primo anno dall’inizio del secolo in cui è diminuita su base annua la produzione di carbone.

Anche su base locale, il consumo di carbone è in caduta. Entro il 2020, Pechino dirà addio ai riscaldamenti a carbone in tutta l’area metropolitana: il combustibile fossile, secondo il piano per il periodo 2015-2020 compilato dalla National Energy Adminsitration, l’ente regolatore dell’energia cinese, sarà sostituito dal gas naturale e dalle rinnovabili.

Assieme a Pechino sono coinvolte nell’iniziativa anche le aree dello Hebei e di Tianjin e l’area del delta del fiume delle Perle e dello Yangtze, ovvero le zone a maggiore concentrazione di smog del gigante asiatico.

Condividi: