Home Smart City Bonus ristrutturazione casa 2016: le agevolazioni

Bonus ristrutturazione casa 2016: le agevolazioni

città: Milano - pubblicato il:
bonus ristrutturazione casa

bonus ristrutturazione casaIl bonus ristrutturazione casa 2016 prevede agevolazioni fiscali fino al 65% per gli interventi di ristrutturazione, acquisto mobili ed elettrodomestici; vediamo nel dettaglio in cosa consiste.

Il bonus ristrutturazione casa 2016 fa parte dei provvedimenti introdotti dall’ultima manovra finanziaria del Governo Renzi.

Grazie a questo provvedimento sarà possibile ottenere delle agevolazioni fiscali al 50 e al 65% per tutti i costi sostenuti in seguito a interventi di ristrutturazione e miglioramento energetico della propria abitazione, e perfino per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici.

Lo scopo dell’intervento è offrire un valido sostegno economico a tutti coloro che decidono di dotare la propria abitazioni di soluzioni energetiche a basso impatto ambientale e favorire allo stesso tempo la riqualificazione del settore residenziale italiano.

Grazie al bonus ristrutturazione casa 2016 sarà possibile sostituire il vecchio impianto di riscaldamento e raffreddamento, dotare la propria abitazione di un buon sistema di isolamento termico, attuare dei lavori di adeguamento antisismico della prima casa e molto altro ancora. Si tratta quindi di interventi molti costosi, per i quali occorre nella maggior parte dei casi della liquidità extra, spingendo gli interessati a cercare delle soluzioni per finanziamenti convenienti sperando così di contenere le spese.

Bonus ristrutturazione casa: quali sono le procedure previste?

Gli interventi previsti dal bonus ristrutturazione casa 2016 comprendono tutti i lavori di manutenzione straordinaria e ordinaria, di restauro, ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo. Gli interventi potranno riguardare la prima casa o parti comuni dell’edificio, come accade per i condomini. Le agevolazioni variano a seconda della tipologia di intervento. La normativa prevede una detrazione Irpef al 50% con un tetto di 96mila euro per il 2016 e al 36% con una soglia massima di 48mila euro per l’anno seguente.

Per accedere alle agevolazioni occorre presentare tutte le ricevute dei bonifici bancari e postali che attestano l’ammontare delle spese sostenute. In questo caso occorre specificare nella causale del versamento la finalità del pagamento. Oltre a questo, occorre allegare alla documentazione anche il codice fiscale e la partita Iva del soggetto richiedente e di tutti i beneficiari dei pagamenti effettuati. Da quest’anno non occorre comunicare all’Agenzia delle Entrate la data prevista per l’inizio dei lavori.

Bonus mobili ed elettrodomestici 2016

Le agevolazioni fiscali del 2016 si estendono anche alle spese sostenute per comprare nuovi mobili ed elettrodomestici in seguito a interventi di ristrutturazione. Potranno farne richiesta le giovani coppie al di sotto dei 35 anni, sia nel caso in cui abbiano acquistato una nuova abitazione, sia nel caso in cui abbiano attuato degli interventi di ristrutturazione su immobili di proprietà. La soglia di spesa prevista per l’acquisto di nuovi mobili oscilla tra i 10 e i 20.000 euro.

Per gli elettrodomestici le detrazione Irpef ammontano al 50% della spesa totale, fino a un massimo di 10.000 euro. In questo caso gli elettrodomestici dovranno appartenere alla classe energetica A o superiore. Tutte le spese, acquisto, trasporto e montaggio, dovranno essere documentate da una copia della fattura o ricevuta fiscale o tramite la ricevuta del bonifico bancario o postale.

La procedura si completa con l’ultimo e fondamentale passaggio: ovvero l’invio telematico della documentazione all’Enea, l’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile. In questo caso l’invio della documentazione dovrà avvenire entro 90 giorni dal termine dei lavori. Al termine della procedura i richiedenti riceveranno una ricevuta informatica, la copia dell’attestato di certificazione o di qualificazione energetica e la scheda informativa relativa agli interventi realizzati, che dovranno essere allegati alla dichiarazione dei redditi.

Condividi: