Home Green Jobs Guardie ecologiche volontarie: il Comune di Milano lancia il bando

Guardie ecologiche volontarie: il Comune di Milano lancia il bando

città: Milano - pubblicato il: - ultima modifica: 21 Novembre 2018
Guardie Ecologiche Volontarie

Voi che amate e rispettate l’ambiente, avete mai pensato di poter far parte delle Guardie Ecologiche Volontarie (Gev)?

Se abitate a Milano ora potete. È possibile infatti iscriversi fino al 10 gennaio al bando (disponibile sul sul sito del Comune di Milano) e diventare così un pubblico ufficiale con funzioni di Polizia Amministrativa.

Tra le mansioni anche la possibilità di accertare e sanzionare gli abusi di competenza, che riguardano principalmente il regolamento del verde

Tra le mansioni delle Guardie Ecologiche Volontarie non c’è solo il controllo sulle azioni sul territorio ma anche fare formazione ai ragazzi. Nel corso dell’ultimo anno – riporta una nota del Comune di Milano – sono state fatte circa 790 relazioni di servizio e nell’attività di educazione ambientale sono stati coinvolti oltre 8.800 ragazzi delle scuole primarie con interventi sui temi dell’acqua, aria, verde, rifiuti, energia e risparmio energetico.

Non sareste soli: le Guardie Ecologiche Volontarie attualmente in servizio a Milano sono 196 e il loro contributo è consistente: 31mila ore di servizio nel 2017, di cui circa il 70% nella vigilanza diretta sul territorio.

L’impegno richiesto è serio: il corso di 26 lezioni in aula si svolge presso la Scuola del Corpo della Polizia Locale in via Boeri 7 a Milano.

Una volta superato l’esame, alle Guardie ecologiche volontarie è richiesto un minimo di 14 ore mensili di attività dedicata in maggior parte alla vigilanza e controllo del verde pubblico per prevenire, segnalare o accertare fatti e comportamenti errati nei parchi cittadini.

Dotati di una sede in ogni Municipio, le Guardie ecologiche volontarie hanno a disposizione tutti gli strumenti tecnici di lavoro, tra cui auto, biciclette e smartphone da usare in servizio e avranno anche la possibilità di avere un abbonamento annuale Atm pagato al 70% dal Comune.

Guardie ecologiche volontarie di Milano, il vecchio bando

Dedicate il vostro tempo libero alla tutela dell’ambiente: è l’appello che il sindaco di Milano, Beppe Sala, lancia a tutti i cittadini milanesi per diventare Guardie Ecologiche Volontarie (Gev).

Un’atto di amore verso la propria città per garantire la tutela dell’ambiente e delle buone pratiche nei parchi e nelle aree verdi cittadine; oggi purtroppo a Milano le guardie ecologiche volontarie sono soltanto 188, 143 uomini e 45 donne, ma il loro contributo è importantissimo: 32mila ore di servizio nel 2016, di cui oltre il 70% nella vigilanza diretta sul territorio.

Le guardie ecologiche volontarie milanesi hanno contribuito alla tutela del decoro urbano con 7.574 accertamenti di infrazione contro chi sosta sul verde, 1.322 segnalazioni varie di problematiche rilevate nei parchi – dalla panchina rotta agli alberi danneggiati – oltre a 647 verbali di contestazione per altre violazioni del regolamento del verde – cani senza guinzaglio, mancata raccolta deiezioni, affissioni abusive.

Ma la loro attività non si limita al controllo e all’emanazione di sanzioni perché lo scorso anno le guardie ecologiche volontarie hanno svolto anche un’intensa attività di educazione ambientale coinvolgendo oltre 6mila ragazzi delle scuole primarie con interventi sui temi dell’acqua, aria, verde, rifiuti, energia e risparmio energetico.

Chi volesse raccogliere questo appello ha tempo fino al prossimo 7 luglio per iscriversi al corso di formazione per aspiranti guardie ecologiche volontarie che avrà inizio a settembre.

Serve un impegno serio e costante che, dopo un corso teorico e pratico di circa 60 ore e il superamento di un esame di fronte alla Commissione Regionale, permetterà di diventare pubblici ufficiali con funzioni di Polizia Amministrativa, potendo accertare e sanzionare gli abusi di propria competenza, che riguardano principalmente il regolamento del verde.

Condividi: