Home Imprese Sostenibili Auto ibride ed elettriche: il 2019 è l’anno zero della mobilità green

Auto ibride ed elettriche: il 2019 è l’anno zero della mobilità green

città: Milano - pubblicato il:
auto ibrida ed elettrica

Il 2019 è l’anno zero per la mobilità green visto che le auto ibride ed elettriche stanno cominciano a guadagnare significative quote di mercato

Secondo i dati elaborati dal Centro Studi di AutoScout24 su base dati ACI, da gennaio a maggio la Lombardia si piazza al vertice per immatricolazioni di vetture green e per incidenza sul totale delle vendite, ma a crescere maggiormente sono la Puglia (+86,2%) e la Toscana (+69,8%).

L’unica regione italiana in cui le vendite di auto ibride ed elettriche sono in calo è la Valle d’Aosta (-5,2%). Tra le province solo 25 su 107 hanno superato da gennaio a maggio 2019 le 400 auto vendute, con Roma e Milano ai primi posti.

Diversa la situazione all’estero, soprattutto nelle regioni nordiche, in cui in Norvegia oltre sei auto nuove su dieci vendute nel 2018 è ibrida o elettrica (60,1%), in Finlandia il dato è del 14,5%, in Svezia del 13,8%, in Olanda dell’11,3%.

L’Italia è ancora tra i Paesi in cui le auto ibride ed elettriche hanno l’incidenza più bassa (4,8%), ma nonostante le auto green rappresentino ancora una quota marginale, soprattutto le elettriche, i numeri mostrano un settore in costante crescita, in cui il fattore sostenibilità inizia a essere un driver importante nelle scelte degli italiani.

Secondo l’elaborazione della ricerca nel 2018 il parco auto circolante di auto ibride ed elettriche, rispetto al 2017, è aumentato del +38,7% (256.640 vetture), di cui le elettriche del +61% (12.156 vetture) e le ibride del +38% (244.484).

Un trend positivo che prosegue anche nei primi cinque mesi del 2019: i dati provvisori dell’ACI indicano 42.360 nuove immatricolazioni di vetture ibride ed elettriche, +38,9% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

Nel dettaglio le vendite di auto elettriche segnano un +99,5% (3.335 auto) e quelle ibride del +35,4% (39.025), anche se la quota sul totale resta rispettivamente dello 0,4% e del 4,8%. Ma sono numeri destinati a crescere: secondo una recente ricerca internazionale di AutoScout24, nei prossimi anni gli italiani si orienteranno prevalentemente sui motori ibridi (per il 56%) ed elettrici (per il 45%), anche se per il momento restano ancora tante le barriere da superare, come i costi troppo alti (per il 60%), la scarsa autonomia e la mancanza di stazioni di rifornimento (56%).

Qual è la fotografia a livello regionale? Sempre nei primi cinque mesi del 2019, considerando le auto ibride ed elettriche, la Lombardia è la regione che ha registrato il numero più alto di vendite (11.637). Seguono, seppure con valori più contenuti, il Lazio (5.995), il Veneto (4.879) e l’Emilia Romagna (4.558).

La Lombardia, con il 7,3%, è prima anche per incidenza di auto green sul totale delle vetture vendute nella regione, seguita dal Veneto (6,8%) e dal Lazio (6,8%), mentre agli ultimi posti troviamo il Trentino–Alto Adige (1%) e la Basilicata (1,9%). Ma rispetto allo scorso anno a crescere maggiormente sono la Puglia (+86,2%), la Toscana (+69,8%) e il Molise (+65,9%). L’unica regione in calo è la Valle d’Aosta (-5,2%).

Per quanto riguarda le singole province, il maggior numero di auto green nuove acquistate si registra a Roma (5.422) e Milano (4.623), ma è Bologna ad avere il tasso di incidenza più alto (9,2%), seguita da Varese (8,8%) e Milano (8,4%). Fanalino di coda Bolzano che, con le sue 474 auto ibride ed elettriche vendute, si ferma allo 0,6%. In linea generale, solo 25 province su 107 hanno superato da gennaio a maggio 2019 le 400 auto vendute.

Condividi: