Home Prodotti Recuperatore di calore Comenda, il risparmio energetico arriva al 35 percento

Recuperatore di calore Comenda, il risparmio energetico arriva al 35 percento

pubblicato il: - ultima modifica: 9 Agosto 2020
comenda

comendaComenda lancia sul mercato il sistema CRC2, evoluzione del precedente CRC, il condensatore di vapori e il recuperatore di calore che l’azienda del gruppo Ali ha progettato per le lavastoviglie a capote.

La novità di casa Comenda si inserisce a pieno nei valori espressi dal marchio aziendale ECO2, che rappresenta le soluzioni in grado di assicurare un effettivo risparmio nei consumi a 360°: dalla diminuzione delle quantità di acqua e detergenti all’ottimizzazione delle risorse energetiche, dalla riduzione delle dispersioni al riutilizzo delle fonti di calore.

Nella fase finale di risciacquo la temperatura dell’acqua raggiunge gli 85°C, una temperatura molto alta che consente di ottenere una sanificazione efficace delle stoviglie.

Tutto questo calore, tuttavia, si disperde nell’ambiente quando la capote è aperta, creando umidità negli ambienti e un innalzamento della temperatura della stanza.

Questo, oltre a creare zone di lavoro poco salubri per gli operatori, comporta la proliferazione di muffe. Lo sviluppo dei sistemi CRC Comenda parte da un presupposto semplice: calore=energia, per questo disperdere calore con l’apertura della capote implica sprecare potenziali risorse.

Con il CRC, e ancora di più con CRC2, i vapori in uscita sono condensati e raffreddati in modo da far uscire l’aria a una temperatura ottimale per l’ambiente di lavoro. Il calore così assorbito è in seguito recuperato e ceduto all’acqua fredda che alimenta la macchina. Inoltre, il nuovo CRC2 è più basso ed è integrato già nella lavastoviglie per un ingombro totale di 200cm di altezza, favorendo la sua stabilità e agevolando le operazioni di pulizia.

Grazie alla tecnologia CRC2, ogni lavastoviglie a capote Comenda può contare sull’apporto del calore e dell’energia recuperato nella fase finale di risciacquo. Significa che l’acqua utilizzata in questa fase parte da una temperatura più alta e quindi richiede meno risorse energetiche per raggiungere la temperatura di 85°C, ideale per la corretta sanificazione di piatti e stoviglie.

Con il sistema CRC2 Comenda assicura un maggiore recupero di temperatura dell’acqua di risciacquo, fino a 35°C con un aumento di circa il 10% rispetto al modello CRC. In totale, un risparmio energetico fino al 35%: un risultato importante che aggiunge un tassello significativo nello sviluppo di soluzioni ecologiche e attente al risparmio dei costi di gestione.

Condividi: