Home News Combattere il caldo senza sprecare energia

Combattere il caldo senza sprecare energia

pubblicato il: - ultima modifica: 6 Agosto 2020
climatizzazione

climatizzazioneCome rinfrescare casa e combattere il caldo senza sprecare energia e approfittando delle detrazioni fiscali. La stagione calda è in arrivo e per combattere il caldo è necessario organizzarsi per tempo: dall’isolamento termico alla climatizzazione degli ambienti sono tanti gli accorgimenti da adottare per il benessere tra le mura domestiche.

In primo luogo ricordiamo che grazie alle detrazioni fiscali del 50% è possibile acquistare elettrodomestici efficienti e pompe di calore. Coloro che vogliano investire nel benessere della propria abitazione, inoltre, possono individuare la liquidità necessaria mettendo i prestiti più convenienti del momento a confronto così da iniziare da subito ad apportare migliorie alla propria abitazione.

Con l’arrivo della stagione calda un’esigenza comune a molti diviene rinfrescare la casa conciliando il benessere con una prassi di consumo consapevole a basso impatto ambientale. Risparmiare sul fabbisogno energetico è importante sia per ridurre le emissioni di CO2 che per minimizzare il dispendio economico.

A tal proposito è possibile sia approfittare dell’ecobonus al 65% per gli interventi di riqualificazione energetica, che informarsi sul bonus mobili ed elettrodomestici del 50% per l’acquisto di apparecchi di classe non inferiore alla A+.

Un valido rimedio per combattere il caldo è l’installazione di pompe di calore: secondo il DL 63/2012 è possibile, in linea con quanto prescritto dalla Legge di Stabilità 2015, acquistare sino al 31 dicembre di quest’anno un climatizzatore d’aria che riesce sia a riscaldare che a rinfrescare l’ambiente.

Tuttavia se si sceglie di refrigerare l’ambiente attraverso un climatizzatore è bene sapere che occorre adottare qualche semplice accorgimento per evitare l’eccessivo dispendio di energia. In primo luogo è consigliabile investire nell’acquisto di un dispositivo di classe energetica elevata: a fronte di una spesa iniziale leggermente più elevata sarà possibile abbattere i costi in bolletta ma soprattutto tutelare la qualità dell’aria dell’ambiente in cui viviamo.

Attraverso un climatizzatore dalla classe energetica elevata possiamo arrivare a risparmiare circa il 30% dei consumi. Ricordiamo, inoltre, che frequentemente per creare un clima di benessere e una situazione confortevole tra le quattro mura è sufficiente sfruttare la funzione deumidificatore del vostro dispositivo.

Ridurre l’umidità dell’ambiente diminuisce notevolmente la percezione del calore e, dato importante, vi farà consumare un terzo dell’energia necessaria per attivare anche la climatizzazione. Nei mesi estivi gli sbalzi termici sono causa di numerosi problemi di salute che vanno da un banale raffreddore a febbre, tosse, asma. Meglio non esagerare con le temperature troppo basse e impostare il vostro climatizzatore a 24/26 gradi.

In alcuni casi, infine, non è necessario attivare tali dispositivi. Un tradizionale ventilatore verticale o da soffitto sarà sufficiente a creare un clima confortevole in casa, in particolar modo durante le ore serali. Alternate dunque l’uso di ventilatori a quello dei climatizzatori e ricordatevi di spegnerli nelle stanze inutilizzate.

Condividi: