Problemi di umidità: in caso di condensa un aiuto arriva dagli impianti con filtri Cta

pubblicato il:
protezione muri
Foto di Martin Franchi Carballeda da Pixabay

Un livello eccessivo di condensa in casa può causare una serie di problemi all’interno dell’abitazione, compromettendo i rivestimenti, gli arredi e, nei casi più gravi, perfino l’integrità delle strutture murarie.

La condensa, infatti, interferisce con l’umidità ambientale, rendendo gli spazi indoor meno salutari per le persone e accelerando il deterioramento dei materiali.

Al giorno d’oggi, esistono delle soluzioni efficaci per contrastare i problemi di umidità e condensa, con la possibilità di installare appositi impianti per il trattamento dell’aria.

Questi sistemi possono funzionare in modo esclusivo, oppure come supporto al classico deumidificatore, offrendo un aiuto concreto per proteggere l’interno dell’immobile dal degrado e dalla proliferazione di muffe e batteri.

Perché installare una centrale di trattamento dell’aria in casa

Gli esperti di Murprotec, azienda che si occupa in modo specifico di trattamenti risolutivi contro l’umidità, consigliano l’installazione di un impianto Cta nelle abitazioni con problemi di condensa e umidità.

Questi sistemi, a differenza dei dispositivi convenzionali, assicurano un corretto ricambio d’aria negli ambienti indoor attraverso la rigenerazione dell’aria, purificandola da cattivi odori, muffa, fattori inquinanti e diminuendo in modo considerevole la condensa.

Per ottenere un risultato definitivo, i professionisti di Murprotec suggeriscono di effettuare la sostituzione del filtro Cta per ridurre la condensa ogni 6 mesi, operazione che consente di mantenere elevati standard di efficienza nel controllo della qualità dell’aria negli spazi interni. Una volta al mese, invece, è opportuno pulire la griglia esterna della macchina e ogni tre mesi pulire il filtro con un’aspirapolvere.

I filtri Cta sono dispositivi certificati ad alta efficienza omologati secondo la categoria G4, in grado di arrestare il 90% delle microparticelle fino a 10 micron, con elevate capacità di trattenere pollini, batteri e polveri.

In una centrale di trattamento dell’aria, uno dei pochi interventi di manutenzione è appunto la pulizia e la sostituzione periodica dei filtri, per questo motivo è considerata una delle migliori opzioni per diminuire umidità e condensa in modo semplice e sostenibile.

Attraverso il display Lcd è possibile anche monitorare lo stato del filtro, con apposite spie luminose che avvertono in caso di anomalie, ad esempio in presenza di incrostazioni nel filtro. Le dimensioni compatte e il peso contenuto consentono di installare l’impianto Cta in qualsiasi punto dell’abitazione, infatti è un sistema centralizzato che espelle l’aria umida all’esterno tramite un processo di insufflazione.

Impianti con filtro Cta: una soluzione green per la qualità dell’aria indoor

Gli impianti dotati di filtro Cta contribuiscono a rendere la propria casa più sostenibile, garantendo una qualità dell’aria interna ottimale senza incidere eccessivamente sui consumi energetici.

Questi dispositivi, infatti, possono sostituire l’aria viziata e umida con quella fresca, filtrata e preriscaldata, un procedimento che aiuta a risparmiare sui costi in bolletta ottimizzando la climatizzazione estiva e invernale.

Mantenere valori adeguati di inquinanti e umidità, inoltre, consente di preservare le murature, i rivestimenti e gli arredi, diminuendo la frequenza degli interventi di ristrutturazione e aumentando la vita utile di mobili ed elettrodomestici.

I risultati sono una casa più green e un ambiente più sano, un approccio che a fronte di un investimento contenuto permette di proteggere l’immobile, usare meno fonti contaminati come vernici e prodotti per l’igienizzazione. In più, tutela la salute della famiglia, in particolare delle persone più vulnerabili come bambini, anziani e malati cronici.

Per migliorare il funzionamento dell’impianto con filtro Cta è importante seguire anche alcuni accorgimenti contro la condensa, evitando quelle cattive abitudini che favoriscono l’umidità in casa.

Peresempio, non bisogna tenere tutto il giorno le finestre chiuse, ma aprirle almeno di mattina e nel pomeriggio per il ricambio dell’aria, non vanno messe troppe piante nell’appartamento e il bucato non deve essere steso dentro l’abitazione, ma possibilmente in apposite aree esterne come balconi e terrazzi condominiali.

Condividi: