Home News Hackathon della mobilità sostenibile, ecco i vincitori

Hackathon della mobilità sostenibile, ecco i vincitori

pubblicato il: - ultima modifica: 8 Agosto 2020
sostenibilità e green planner news
Foto di anncapictures da Pixabay

Si è concluso l’hackaton della mobilità sostenibile, gara di programmazione software che si è svolta all’interno della manifestazione MobilityTech 2012 di Milano. I premi ai progetti vincitori sono stati consegnati da Pierfrancesco Maran, assessore alla mobilità, ambiente, arredo urbano e verde del Comune di Milano.

Per la categoria Bici, mon amour – Non solo piste ciclabili, app per raccogliere e condividere fra gli aderenti al network tracce, valutazioni e suggestioni di chi si muove in bicicletta, ha vinto il gruppo Ambientech, composto da Fabio Politi, Fabio Galeppi, Paolo Acquaviva e Radu Cosmin Iftode, con l’applicazione Betrò, per il contributo originale nel settore del cicloturismo e del bike sharing, per l’attenzione alla creazione di una community, alla segnalazione e condivisione di percorsi ciclistici.

Per la categoria Mi muovo, creo informazione – I tempi del trasporto cittadino a confronto, l’informazione sui tempi reali di percorrenza in ambito urbano, con mezzi diversi, in ore diverse e con diverse condizioni di traffico, eventi e meteo, il premio è stato assegnato al gruppo Full Wipe, costituito da Valentina Lipari e Giovanni Meo, con la semplice ma efficace applicazione MoveMeUp, per il contributo originale nel settore della mobilità di persone disabili o con difficoltà temporanee, proponendo la creazione di un social network per segnalare opportunità e difficoltà degli utenti.

Questi due gruppi di hacker sono stati premiati da AMAT con uno stage retribuito del valore complessivo di 1.000 euro ciascuno, per lo sviluppo e la finalizzazione dell’app creata.

Siemens ha messo a disposizione di tutti i partecipanti una visita ai laboratori di una delle sue sedi milanesi per scoprire cosa c’è dietro una Smart Grid. AMAT ha messo inoltre a disposizione anche dei partecipanti che non hanno ricevuto un riconoscimento dati e supporto tecnico-operativo per la finalizzazione dei progetti.

Condividi: