Home News Apicoltura trentina: 115mila euro di contributi

Apicoltura trentina: 115mila euro di contributi

pubblicato il: - ultima modifica: 8 Agosto 2020
apicoltura trentino

apicoltura trentinoL’apicoltura trentina può sorridere grazie alla delibera che porta la firma dell’assessore all’agricoltura della provincia di Trento Michele Dallapiccola.

La Giunta provinciale ha infatti approvato i nuovi criteri e le modalità per la concessione di contributi agli apicoltori validi per le annualità 2014-2015 e 2015-2016.

Per tale programma di aiuti gli apicoltori trentini potranno contare su un budget di 115.645 euro, cofinanziati dall’Unione Europea e dallo Stato.

“Il provvedimento” spiega l’assessore Dallapiccola “contiene anche alcune semplificazioni relativamente agli adempimenti cui assolvere per l’inoltro delle domande, che andranno presentate entro il 15 aprile dell’anno di riferimento”.

Una parte dei fondi sarà destinata alle associazioni di apicoltori per sostenere in parte le attività di assistenza tecnica attraverso gli esperti apistici ed in parte corsi di formazione. Per tali attività la percentuale di contributo è del 90% della spesa ammessa.

Direttamente ai singoli apicoltori (circa un migliaio in Trentino) andranno invece gli aiuti per finanziare l’acquisto delle arnie (ogni arnia costa circa 90 euro) e dei carrelli per il trasporto delle stesse per chi pratica il nomadismo. Per le arnie la percentuale di contribuzione è del 60%, mentre per l’acquisto dei carrelli (una misura introdotta quest’anno per la prima volta) è del 40%.

Per quanto riguarda l’acquisto di api regine e famiglie, è previsto un contributo di 20 euro per ogni ape regina e fino a 170 euro per le famiglie di api.

Contestualmente alla delibera per il supporto all’apicoltura, la Giunta ha provveduto, con altro provvedimento, alla nomina della prima Commissione apistica provinciale, prevista dalla legge provinciale 2/2008 al fine di costituire un organismno che sia di supporto tecnico conoscitivo per la predisposizione e il monitoraggio degli interventi per l’apicoltura nel territorio provinciale.

Condividi: