Home News Fotovoltaico in crisi a causa dei prezzi

Fotovoltaico in crisi a causa dei prezzi

sostenibilità e green planner news
Foto di anncapictures da Pixabay

fotovoltaicoCalano le vendite nel settore fotovoltaico e molti rintracciano la causa nella debolezza della moneta europea.

Anche il fotovoltaico comincia a manifestare qualche piccolo segnale di cedimento.

Il settore delle energie rinnovabili più solido e affidabile ha registrato negli ultimi mesi una significativa contrazione delle vendite dei moduli fotovoltaici proprio a causa degli elevati prezzi.

Infatti, la realizzazione di un impianto fotovoltaico è spesso costosa e richiede in molti casi un investimento iniziale, spingendo molte imprese e privati a richiedere un prestito. Il miglioramento delle condizioni offerte dalle banche e dagli istituti di credito hanno spinto già molti a ricorrere a questo tipo di soluzioni.

Un trend seguito anche dal resto del mercato europeo, come si legge in questo articolo pubblicato sul portale SuperMoney, che dopo molto tempo torna a toccare valori positivi per il numero di richieste di finanziamento.

Secondo una recente indagine, la crisi del settore del fotovoltaico in Europa sarebbe provocata dagli elevati costi dei moduli fotovoltaici probabilmente dovuti alla debolezza della moneta europea. I primi segnali di crisi avevano spinto le istituzioni ad attuare dei provvedimenti, che si sono poi rivelati nulli.

Basti pensare agli effetti davvero ridotti delle norme antidumping, che hanno provocato un aumento graduale anche dei moduli di provenienza asiatica. Unica eccezione è la Germania, dove i produttori hanno mantenuto dei prezzi stabili, senza sostanziali variazioni.

Alla base della crisi del mercato fotovoltaico ci sarebbe la debolezza del tasso di cambio dell’euro, che avrebbe spinto i produttori e i distributori ad apportare delle variazioni alle politiche dei prezzi. Gli effetti di queste dinamiche manifestano le loro conseguenze proprio in questi mesi. Infatti, l’arrivo della primavera coincide spesso con la crescita della domanda da parte delle imprese e dei privati che, approfittando dell’aumento delle temperature, decidono di ampliare il proprio impianto fotovoltaico acquistando qualche nuovo modulo.

La crisi del sistema avrebbe quindi arrestato il processo di crescita del mercato, al contrario bisognoso di una spinta per evolversi. Nonostante la crescita registrata nell’ultimo periodo, anche la domanda dei piccoli impianti fotovoltaici non ha raggiunto i valori tanto attesi. Infatti l’interesse europeo per i sistemi fotovoltaici con accumulo intelligente e gestione energetica è ancora minimo, a eccezione della Germania dove di fatto i clienti valutano attentamente i prezzi e i miglioramenti tecnologici.

L’unico comparto in crescita del settore è quello relativo alla sostituzione e alla manutenzione degli impianti. Infatti le critiche condizioni metereologiche delle scorso inverno e i frequenti casi di tempeste registrate in tutta l’Europa, hanno messo a dura prova molti impianti adesso bisognosi di interventi di sostituzione e manutenzione. Tutto questo ha determinato una crescita delle richieste di intervento di installatori e rivenditori specializzati, ma si tratta comunque di un beneficio temporaneo che non porta vantaggi effettivi all’intera filiera del settore fotovoltaico.

Condividi: