Home Imprese Sostenibili Clausola di interdipendenza, pratica virtuosa di Mondora

Clausola di interdipendenza, pratica virtuosa di Mondora

città: Milano - pubblicato il:
interdipendenza bcorp b corporation mondora

interdipendenza bcorp b corporation mondoraUn’idea tanto semplice quanto geniale: a chi gli firma un contratto di acquisto di software e servizi Francesco Mondora, dell’omonima azienda di Ict – ora al 51% entrata nella sfera di TeamSystems – chiede anche un impegno sociale, di interdipendenza.

Ovvero, chiede e mette nero su bianco ai propri clienti di riservare qualche ora del proprio tempo uomo per dare un aiuto alla comunità locale. E la cosa sembra funzionare.

Così abbiamo chiesto di spiegarci la clausola di interdipendenza, per renderla replicabile per tutti noi.

Francesco Mondora ha traghettato la sua azienda non solo in un’orizzonte ampio e internazionale, ma anche nel perimetro delle B Corporation.

Dove è chiaro che ognuno, con il proprio lavoro, ha un impatto sociale oltre che economico/finanziario.

Ed è qui che si inserisce la clausola di interdipendenza. Mondora lo spiega anche attraverso la teoria dei sei gradi di separazione – che forse oggi in epoca social deve rivedere le percentuali.

“In Mondora” ci spiega Francesco “stiamo dimostrando che l’idea del collegare tutto il mondo attraverso i sei gradi di separazione, quindi di riuscire a essere amici di amici, può essere applicato anche in termini di filantropia”.

In pratica se tutti i contratti di business riportassero la clausola di interdipendenza ideata da Mondora, le ricadute sarebbero fantastiche. Con un impatto molto probabilmente mondiale. #BtheChange!

Condividi: