Home Eco Lifestyle Chewing-gum biodegradabile: una novità che arriva dal Messico

Chewing-gum biodegradabile: una novità che arriva dal Messico

pubblicato il: - ultima modifica: 11 Dicembre 2019
chewing-gum biodegradabile chicza

Arriva dal Messico una novità che fa bene all’ambiente e al decoro delle nostre città: il chewing-gum biodegradabile, rispettoso dell’ambiente e realizzato con ingredienti naturali.

Scegliere di proporre al mercato un chewing-gum biodegradabile ed ecologico, aprire una nuova via commerciale, ha sempre un sapore speciale che richiede coraggio, orgoglio e determinazione; si possono correre grandi rischi ma, se l’intuizione è giusta, i vantaggi possono essere interessanti, per l’ambiente e per il business.

Nell’ultracentenaria storia dei chewing-gum il mercato è cambiato molto; i prodotti commerciali si sono evoluti, il progresso e i gusti dei consumatori hanno prodotto nuove richieste. Ma la sostanza di cui è composto il chewing-gum oggi non è più la stessa ed è inquinante: lo dimostrano i rimasugli sui marciapiedi delle nostre città.

Infatti il chewing-gum in commercio è realizzato con gomme sintetiche che impiegano circa 5 anni a decomporsi: la poca attenzione dei cittadini completa il quadro perché si calcola che nel mondo si gettino ogni anno 560mila tonnellate di gomme da masticare, di cui 23mila solo in Italia – e il costo per rimuoverle varia dai 20 centesimi ai 2 euro.

L’alternativa è il chewing-gum biodegradabile e naturale

Nel panorama del chewing-gum commerciale, che utilizza il poliisobutilene, un polimero del petrolio, come gomma base, i biossidi come coloranti, gli edulcoranti chimici come dolcificanti, una bella novità arriva dal Messico dove i Chicleros hanno avuto un’idea semplice ma geniale: riportare in auge il chicle Maya, composto da gomma naturale, attraverso il brand Chicza.

Nei primi mesi del 2009 i Chicleros parteciparono alla loro prima fiera del biologico, a Londra, dove ottennero il primo premio grazie al loro chewing-gum biodegradabile e naturale; in seguito, nei 6 anni e mezzo successivi, Chicza ha ricevuto altri 24 riconoscimenti in Italia e all’estero.

In Italia il prodotto è distribuito da Ecolbio s.r.l. che applica la stessa filosofia e la stessa passione dei Chicleros messicani, prodigandosi per promuovere un prodotto naturale e rispettoso dell’ambiente; un impegno che ha convinto il Consorzio Chicleros ad affidare loro, oltre ai mercati attuali – Italia, Malta, Svizzera italiana – anche l’esclusiva per Portogallo e Albania.

Il chewing-gum biodegradabile messicano, grazie alla creatività italiana, ha aggiunto a Chicza, già certificata biologica e biodegradabile al 100%, anche la certificazione gluten free, di prodotto senza lattosio, Vegan, Kosher, intuendo e certificando che Chicza è adatta anche a pazienti nefropatici, peculiarità che hanno attirato le simpatie di altri segmenti di consumatori.

Condividi: