Home Imprese Sostenibili Mobilità pulita: nasce la prima stazione a idrogeno del Lazio

Mobilità pulita: nasce la prima stazione a idrogeno del Lazio

città: Roma - pubblicato il:
mobilità pulita idrogeno

Passi avanti verso una mobilità pulita ed ecosostenibile: un sassolino nell’oceano della mobilità a quattro e più ruote italiana ma significativo, grazie all’inaugurazione di una stazione di produzione e di rifornimento di idrogeno nel Lazio.

Un bel segnale di innovazione e di impegno verso forme di mobilità meno inquinanti.

Il punto di ricarica verrà realizzato all’incrocio tra il Grande Raccordo Anulare e l’autostrada Roma-Fiumicino e servirà in prima battuta per il rifornimento di cinque autobus a idrogeno in servizio per la città di Roma.

La prima stazione di produzione e rifornimento di idrogeno nel Lazio porta un’ulteriore ventata di mobilità pulita nel panorama italiano grazie alla collaborazione tra Enea e il Centro Interuniversitario di Ricerca Per lo Sviluppo sostenibile (CIRPS); il progetto laziale si inserisce all’interno di 3Emotion, promosso dalla Piattaforma europea per l’idrogeno e le celle a combustibile (FCHJU) e finanziato in Italia dall’Unione Europea e dalla Regione Lazio con circa 2 milioni di euro.

Mobilità pulita e sostenibile grazie al progetto 3Motion

Il progetto 3Emotion (Environmentally friendly Efficient Electric Motion) coinvolgerà per tre anni e mezzo altre cinque città europee (Aalborg in Danimarca, Versailles e Pau in Francia, Rotterdam in Olanda e Londra in Inghilterra), che sperimenteranno insieme a Roma un sistema di trasporto pubblico a zero emissioni, basato su autobus a fuel cell e stazioni di rifornimento di idrogeno.

Roma grazie a questa iniziativa sarà la seconda città italiana, dopo Bolzano, ad avere un punto di produzione e ricarica per veicoli a idrogeno; il carburante verrà prodotto utilizzando pannelli fotovoltaici che generano l’energia elettrica necessaria agli elettrolizzatori per produrre idrogeno a partire dall’acqua.

Sarà Enea a occuparsi dei sistemi di produzione dell’idrogeno utilizzando tecnologie consolidate, che dovranno essere selezionate e integrate tra di loro per assicurare la quantità e la qualità dell’idrogeno richiesto per la circolazione degli autobus, circa 400 kg a settimana.

In Europa il costo dell’idrogeno è di 9,50 €/kg che dovrà scendere entro il 2025 a 5 €/kg entro il 2025; per riuscirci è necessario disporre di una infrastruttura per la mobilità pulita e sostenibile diffusa a livello europeo; il primo tassello in Italia per arrivare a questo risultato è stato il piano strategico al 2050 per l’idrogeno, che è stato accettato e incluso nel decreto legislativo 257/2016 per la realizzazione di una rete di distribuzione di combustibili alternativi.

Condividi: