Home Imprese Sostenibili Nasce a Bagnoli la Marine Farm and Factory per rilanciare la Blue...

Nasce a Bagnoli la Marine Farm and Factory per rilanciare la Blue Economy

città: Napoli - pubblicato il:
Marine Farm and Factory - Bagnoli

L’area di Bagnoli fa un ulteriore passo in avanti verso la sua riqualificazione con la nascita di Marine Farm and Factory, un centro europeo di produzione degli organismi marini per rilanciare la ricerca e la blue economy italiana

Bagnoli si avvia verso la riqualificazione e la rinascita: Invitalia ha infatti consegnato l’ex Centro di Esposizione del Mare – Turtle Point – alla Stazione Zoologica Anton Dohrn, che lo trasformerà in una Marine Farm and Factory, la più grande infrastruttura europea in ambito di produzione di organismi per la ricerca marina, le biotecnologie marine e l’acquacoltura innovativa.

Parte della produzione sarà anche destinata al ripopolamento di ambienti naturali degradati e al restauro ecologico degli habitat marini a partire dai fondali di Bagnoli.

Dopo aver ottenuto il dissequestro delle aree, l’agenzia salvaguarda i fondi europei utilizzati per la realizzazione dell’opera e riconsegna alla città un’area espositiva e di ricerca a fruizione pubblica con finalità culturali e mantenendone le caratteristiche funzionali e tutti gli acquari previsti per l’ex centro Turtle Point.

Grazie a un finanziamento del Ministero dell’Istruzione Università e Ricerca MIUR e un progetto di recupero e riqualificazione dei due edifici a cura della Stazione Zoologica Anton Dohrn, il centro diventerà la nuova Marine Farm and Factory.

Sarà un’infrastruttura tecnologica avanzata aperta a tutti con l’obiettivo di supportare la ricerca scientifica e industriale, ma anche informare e sensibilizzare i cittadini sui temi della ecologia, della biologia e delle biotecnologie marine eco-compatibili.

Sarà un centro visitabile, come una vera e propria fattoria. I lavori di ristrutturazione partiranno al più presto e la loro conclusione è prevista entro il 2022. Potrà ospitare più di 20 ricercatori e tecnici oltre a studenti e migliaia di visitatori.

Condividi: