Home Imprese Sostenibili Economia circolare e simbiosi industriali, accordo Tra Consorzio Nip e Area Science...

Economia circolare e simbiosi industriali, accordo Tra Consorzio Nip e Area Science Park

pubblicato il:
economia circolare simbiosi industriali

Nasce una collaborazione tra il Consorzio Nip e Area Science Park di Trieste per sviluppare uno studio sui rifiuti prodotti dalle aziende locali che porti alla realizzazione di azioni sinergiche in ottica di economia circolare

Dalle materie prime usate dall’industria che divengono in seguito rifiuti è possibile sviluppare, attraverso l’economia circolare, materie prime seconde che trasformano il modo di produrre, evitano gli sprechi e valorizzano l’intera catena industriale.

Va in questa direzione l’accordo tra il Consorzio per il Nucleo di Industrializzazione della Provincia di Pordenone e Area Science Park di Trieste.

La collaborazione porterà allo sviluppo di uno studio approfondito sui rifiuti prodotti dalle aziende insediate nelle zone industriali dell’area di Pordenone per sviluppare riflessioni su economia circolare e simbiosi industriali.

Per prendere decisioni efficaci e precise dal punto di vista gestionale servono dati affidabili e puntuali, aggiornati e completi. Per questo gli esperti di Area Science Park hanno lavorato sulle banche dati esistenti per prepararle allo scopo richiesto dai vertici direttivi del Consorzio Nip.

Gli scienziati sono partiti dai dati relativi alla produzione di rifiuti censiti annualmente dall’Arpa del Friuli Venezia Giulia, analizzando le schede del Modello Unico di Dichiarazione Ambientale (Mud) per definire il database dei rifiuti prodotti dalle imprese insediate nelle zone industriali della provincia di Pordenone.

A queste informazioni sono state aggiunte le informazioni anagrafiche e i codici Ateco delle aziende locali per raggruppare le imprese per filiere di rifiuti prodotti e definire quindi la vocazione al riutilizzo dei rifiuti delle zone industriali.

La collaborazione continuerà nei prossimi mesi con un progetto di Innovation Intelligence che avrà lo scopo di arrivare a conoscere in maniera ancora più approfondita l’attività delle imprese del territorio pordenonese – per esempio registrando brevetti, certificazioni ambientali e propensione all’innovazione, informazioni che si possono ricavare attraverso l’accesso a fonti di finanziamento dedicate a questo obiettivo.

Condividi: