Home Imprese Sostenibili Progetti di green economy a 360°: nasce Transphorma

Progetti di green economy a 360°: nasce Transphorma

transphorma - axpo

Non solo efficienza energetica e mobilità sostenibile, ma anche sviluppo di progetti di economia verde a tutto tondo nel dna della neonata Transphorma, azienda che mette insieme le competenze di Ladurner Ambiente e Axpo Energy Solutions.

L’economia circolare nei Comuni può esprimersi in molte modalità ed esigenze e per attuare la formula più efficace, anche dal punto di vista finanziario, la Pubblica amministrazione sta valutando interesse nei progetti di partenariato pubblico-privato (i cosidetti Ppp).

Per assolvere questi obiettivi, ma anche aspetti di efficientamento energetico e mobilità sostenibile, è nata una nuova realtà: Transphorma, una Srl sinergica a Ladurner Ambiente e Axpo Energy Solutions Italia.

L’azienda punta a offrire servizi e progetti che abbracciano la green economy a 360°: dalla fornitura e manutenzione di veicoli di raccolta a zero o a basse emissioni di CO2 (elettrici, a metano, a idrogeno e alimentati con altre fonti rinnovabili), alla realizzazione e gestione di sistemi di ricarica per gli stessi veicoli, di impianti di produzione di energia pulita e di accumulatori.

A queste competenze si uniscono la capacità di effettuare interventi di efficientamento energetico per gli impianti di depurazione acque e degli impianti di trattamento dei rifiuti solidi e liquidi.

Per saperne di più abbiamo rivolto qualche domanda a Marco Garbero, general manager di Axpo Energy Solutions Italia e presidente del Cda di Transphorma.

Innanzitutto, ci spiega quale sarà il perimetro geografico di Transphorma che nasce a Bolzano?

La neonata azienda non ha limiti territoriali ed è in grado di soddisfare le esigenze di tutti gli enti pubblici preposti a sviluppare progetti in Project Financing legati al mondo dei servizi.

Sia Ladurner che Axpo Energy Solutions Italia possono contare oggi su un network di collaborazioni e attività che coprono l’intero territorio nazionale dunque, anche l’attività di Transphorma nasce con la stessa logica: portare proposte personalizzate nello specifico comparto adattandole ai diversi contesti regionali o locali.

Chi sono i clienti già attivi?

Sono già stati presentati diversi progetti incentrati sull’efficientamento energetico dei servizi di igiene urbana grazie alla mobilità sostenibile che sono omogeneamente distribuiti sullo stivale (dal Nord al Sud).

Questi progetti sono attualmente in fase di valutazione da parte degli Enti riceventi, ma le attività commerciali sono in rapida crescita.

Darete servizi tailor made o puntate su un catalogo di soluzioni?

La proposta di Transphorma nasce per essere tailor made. Dalle reciproche esperienze delle due aziende che hanno promosso e sostenuto la joint venture, emerge la consapevolezza che per ogni ente o istituzione, così come per ogni contesto territoriale o cittadino, si avverte l’esigenza di evitare la standardizzazione del servizio.

È per questo che, così come facciamo per Axpo Energy Solutions Italia, Transphorma disegna proposte che siano basate su un assessment iniziale che possa anzitutto fare una valutazione del contesto e delle specifiche esigenze infrastrutturali così come di servizio e potenziale risparmio.

È proprio dal nostro lavoro che ci siamo resi conto di quanto questo venga apprezzato dal mercato: studiare le peculiarità di ogni realtà e applicare le soluzioni in base a esigenze molto specifiche.

Solo così si riesce ad accedere a un risparmio energetico reale – cosa che ovviamente viene monitorata dai nostri professionisti costantemente – e a soluzioni che soddisfino il cliente in una prospettiva di medio-lungo periodo.

Ci sono assunzioni in vista?

Transphorma nasce già con due dipendenti con un profondo know-how sia del mondo Energia che di quello dei Rifiuti e si avvale di un vasto network di consulenti e collaboratori (in primis da parte dei soci) ma è in cerca di nuovo personale, naturalmente in modo organico e parallelo allo sviluppo delle attività.

Ci aspettiamo una rapida crescita e che in tempi brevi la famiglia Transphorma diventi numerosa.

Condividi: