Home News La Commissione UE indaga sulla concorrenza cinese, soddisfatta EU ProSun

La Commissione UE indaga sulla concorrenza cinese, soddisfatta EU ProSun

città: Milano - pubblicato il: - ultima modifica: 28 Marzo 2014

La Commissione Europea ha annunciato l’apertura di un’investigazione sulle pratiche commerciali sleali condotte dalla Cina, rispondendo positivamente all’appello presentato lo scorso 24 luglio da EU ProSun, la coalizione che rappresenta la maggior parte dell’industria fotovoltaica europea nata per mantenere una base sostenibile e dinamica per la produzione di energia solare in Europa.

Milan Nitzschke, Presidente di EU ProSun, ha dichiarato: “La Commissione Europea ha compiuto oggi un grande passo verso la salvaguardia del settore delle tecnologie sostenibili e di una base produttiva più ampia in Europa. Le compagnie cinesi stanno esportando prodotti solari sottocosto in Europa, con un margine di dumping compreso tra il 60% e l’80% che le porta a registrare perdite importanti pur senza finire in bancarotta perché finanziate dallo Stato. Queste pratiche sleali di concorrenza hanno condotto più di 20 importanti produttori europei di energia solare al fallimento nel corso del 2012. Se la Cina è in grado di portare alla scomparsa l’industria fotovoltaica europea dove la manodopera incide per circa il 10% dei costi di produzione, allora è ipotizzabile pensare che quasi tutti i settori manifatturieri europei siano a rischio”.

Anche il Comitato IFI (Industrie Fotovoltaiche Italiane), l’associazione che raccoglie oltre l’80% dei produttori italiani di celle e moduli fotovoltaici dichiara la propria soddisfazione, come afferma il Presidente Alessandro Cremonesi “abbiamo l’opportunità di conoscere la realtà dei fatti: nel 2011 il mercato delle installazioni fotovoltaiche in Italia ha primeggiato a livello globale con oltre 9 GW di potenza generata. Di questi solo 500 Mw sono stati originati dall’industria italiana che si è trovata paradossalmente a operare sotto il 50% della propria capacità produttiva, con aziende che si sono trovate nella condizione di dichiarare lo stato di insolvenza, fermare le attività e chiamare la cassa integrazione. Tutto questo per non essere riusciti a competere sul mercato rispetto a un prezzo di dumping praticato dalle aziende cinesi. Se le responsabilità saranno appurate, come confidiamo, sarà necessario ricorrere a meccanismi che riportino in equilibrio il mercato”.

Per ulteriori informazioni:

Condividi: