Home News Rinnovabili, il rapporto Frost & Sullivan

Rinnovabili, il rapporto Frost & Sullivan

pubblicato il: - ultima modifica: 6 Agosto 2020
sostenibilità e green planner news
Foto di anncapictures da Pixabay

energie rinnovabiliLa capacità installata di rinnovabili raddoppierà entro il 2025 superando i 3.200 GW: è quanto afferma uno studio di Frost & Sullivan.

Il consumo energetico da rinnovabili raddoppierà nel corso dei prossimi dieci anni, a rivelarlo è uno studio targato Frost & Sullivan. Scegliere l’energia rinnovabile consente di risparmiare sulla fornitura di energia e ridurre le dannose emissioni di CO2.

Per risparmiar sui costi per la fornitura di energia è dunque consigliabile scegliere l’autonomia energetica, installare impianti fotovoltaici e apportare migliorie volte all’efficientamento energetico. Per individuare la liquidità necessaria è possibile affidarsi al credito bancario mettendo i prestiti più convenienti del momento a confronto.

Con le tariffe per l’energia elettrica in aumento puntare sulle fonti green diviene essenziale sia per i privati che per le imprese. Nell’analisi di Frost & Sullivan Annual Renewable Energy Outlook 2014 leggiamo che la capacità installata di energia rinnovabile raddoppierà da qui al 2025 raggiungendo quota 3203 GW nei prossimi dieci anni, con un tasso di crescita medio annuo del 5,7%.

Protagonista della domanda di energia elettrica da rinnovabili sarà il fotovoltaico con il 33,4% del totale degli aumenti di capacità di rinnovabili nel periodo 2012-2025. L’eolico rappresenta invece il 32,7% della domanda, segue l’energia idroelettrica con il 25,3%. Le altre fonti di energia pulita invece rappresentano il restante 8,6% degli aumenti di capacità.

Frost & Sullivan evidenzia, tuttavia, che il ricorso alle fonti green non è uniforme a livello globale e le difficoltà economiche incidono sul ricorso delle varie realtà nazionali alle rinnovabili. In alcuni Paesi occidentali le difficoltà derivanti dalla crisi economica hanno influenzato le politiche incentivanti all’energia rinnovabile e all’efficienza energetica.

“Non stupisce quindi che gli impianti di energia rinnovabile abbiano assistito a un graduale spostamento del potere di mercato verso le economie emergenti” ha affermato Harald Thaler, Industry Director per il settore energia e ambiente di Frost & Sullivan “A causa di urbanizzazione, crescita della popolazione, preoccupazioni sulla sicurezza dell’energia e forte sviluppo economico, le regioni come Asia, America Latina, Medio Oriente e Africa contribuiscono sempre di più alla crescita della capacità da rinnovabili”.

Il calo dei costi per acquistare e mettere in opera gli impianti a energia pulita ha consentito la diffusione di massa di tali tecnologie anche nei Paesi in via di sviluppo. Si prevede che la capacità globale di energia solare aumenterà dai 93,7 GW del 2012 fino a quota 668,4 GW nel 2025. Tuttavia, mentre il solare fotovoltaico sta assistendo a un vero e proprio boom, il crollo dei prezzi di questa tecnologia ha notevolmente indebolito le prospettive di crescita del mercato dell’energia solare concentrata (CSP).

La capacità globale di energia idroelettrica aumenterà da 1085 GW nel 2012 fino a 1498 GW nel 2025, poiché Cina, Turchia, Brasile, Vietnam, India e Russia contribuiranno fortemente alla crescita del mercato. Nel mercato dell’energia eolica, l’eolico offshore assisterà a una crescita inferiore a quella attesa, a causa del calo del sostegno politico in Europa. Grazie alle nuove applicazioni rese possibili dalle turbine eoliche di piccole dimensioni, la capacità di energia eolica globale raggiungerà quota 814 GW nel 2025 dai 279 GW del 2012.

“L’Europa resterà la regione più importante nel segmento relativo a bioenergia e rifiuti a livello globale, poiché le future espansioni di capacità in questo segmento si avranno in Sud-est asiatico, Australasia, Nord America, Turchia, Islanda e Kenya” osserva Thaler “Dopo il 2025, anche la tecnologia dell’energia marina sarà ampiamente utilizzata, grazie all’aumento della disponibilità dei governi a sostenere le tecnologie emergenti”.

Nel corso dell’ultimo decennio abbiamo assistito a considerevoli sviluppi sul piano delle politiche nazionali a sostegno dell’energia ecosostenibile. In passato meno di 50 Paesi in tutto il mondo abbracciavano politiche di sostegno alle rinnovabili, a oggi questo numero è salito a 130 e gli investimenti nelle rinnovabili sono aumentati considerevolmente negli ultimi anni anche a fronte delle direttive imposte dall’UE entro il 2020.

Condividi: