Home Imprese Sostenibili Potenza Picena, efficienza energetica ma non solo…

Potenza Picena, efficienza energetica ma non solo…

città: - pubblicato il:
potenza picena

francesco acquaroli sindaco di potenza picena“In un momento così delicato per le finanze pubbliche locali la strada dell’efficienza energetica è forse una delle poche leve preziose per ridurre la spesa corrente e liberare risorse per ulteriori investimenti”.

Così sintetizza la propria opinione Francesco Acquaroli, sindaco di Potenza Picena, comune da circa 16mila abitanti sotto la provincia di Macerata che in tempi di Expo 2015 ha voluto accendere i riflettori sulla propria città che concentra interessanti esperienze sociali e aziendali legate dal filo rosso della buona salute, della sana alimentazione e delle buone pratiche ambientali come dimostra anche la costruzione del Torrenova Golf, un green ideato a impatto zero.

Tornando al tema dell’efficienza energetica il Sindaco continua: “Entro fine anno verranno appaltati i lavori di sostituzione di tutti i lampioni con la relativa introduzione della tecnologia LED sulla pubblica illuminazione. Implementeremo questa tecnologia anche nelle scuole e in tutti gli edifici pubblici”.

Sostenibilità, per un Comune come il vostro, significa attirare imprese, turisti e migliorare la vita ai propri cittadini: come state cavalcando questa opportunità?

“Nel contesto economico attuale fatto di incertezza e competizione esasperata, una comunità deve assolutamente compiere uno sforzo che è prima di tutto culturale. Riscoprire la propria identità significa acquisire consapevolezza delle proprie peculiarità, competenze e talenti dai quali ripartire per poter cogliere le opportunità di un mercato non più solo locale ma globale e in continua evoluzione. In questo senso il ruolo dell’amministrazione comunale è centrale perché può creare i presupposti e il campo da gioco ideale per stimolare e promuovere relazioni, reti, collaborazioni indispensabili in tanti settori e situazioni, tipo: nei processi di internazionalizzazione delle tante piccole e medie imprese agricole e artigiane; di integrazione e cooperazione nelle filiere agroalimentari; nella promozione e nell’animazione e offerta turistica del Comune”.

Nel 2016 quali tematiche affini affronterete?

“Sicuramente i temi di Expo portano con sé innumerevoli sfaccettature e abbracciano tanti aspetti legati alla vita quotidiana di tutti da approfondire e riproporre nel nostro Comune. In particolare nel 2016 il nostro focus sarà sull’agricoltura. Analizzeremo la nostra realtà locale alla luce delle sfide future tenendo conto anche della nuova programmazione regionale dei fondi europei. Anche qui il nostro ruolo è quello di creare opportunità di incontro, confronto e approfondimento per promuovere un processo culturale che possa tradursi in nuove idee, progetti e strategie per la nostra comunità”.

Condividi: