Home Eventi In bici contro le mafie: viaggio a due ruote tra i beni...

In bici contro le mafie: viaggio a due ruote tra i beni confiscati

città: Bologna - pubblicato il:
in bici contro le mafie - bologna

in bici contro le mafie - bolognaLa prossima domenica 28 maggio a Bologna si terrà la seconda edizione de In bici contro le mafie, una passeggiata in bicicletta per scoprire i luoghi confiscati.

Un evento di riflessione – a 25 anni dalla strage di Capaci – per allargare la consapevolezza, o crearla nel caso dei più giovani che non hanno vissuto quei momenti, di quanto il fenomeno mafioso sia diventato pervasivo anche sotto casa.

Giovanni Falcone, ucciso insieme alla moglie e a tre uomini della scorta, ripeteva che affinché una società vada bene, ognuno deve fare il suo dovere; per questo Vito Bernardo, coordinatore del progetto, attraverso questa iniziativa, ha scelto di trasformare una semplice passeggiata in bicicletta, in un momento di informazione e presa di coscienza.

In bici contro le mafie è un progetto nato dalla collaborazione di Coop Alleanza 3.0 con le associazioni legate al mondo della mobilità sostenibile e con associazioni e cooperative anti-mafie.

La bicicletta diventa quindi il mezzo per informarsi e scoprire la realtà che ci circonda: basta percorrere pochi chilometri infatti per visitare case e palazzi del grande patrimonio dei beni confiscati alla mafia, molti dei quali già restituiti alla collettività grazie a progetti virtuosi.

Due gli itinerari previsti, uno cittadino (10 km, per una durata di circa 2 ore; previsti 4 tour con partenza da Piazza Re Enzo alle ore 9:30, 12:00, 14:00 e 16:30) e uno metropolitano (75 km pianeggianti da Bologna a Pieve di Cento attraversando Castel Maggiore e San Marino di Bentivoglio con partenza alle 9 da Piazza Re Enzo e rientro a Bologna alle 18), per venire incontro a ciclisti urbani e cittadini più o meno allenati.

In bici contro le mafie è un’iniziativa promossa dalle associazioni L’Altra Babele – LabPro, Montesole Bike Group-Fiab Bologna, Libera, e Arci Bologna con il sostegno di Cooperare per Libera Terra e il patrocinio della Consulta della Bicicletta di Bologna.

Condividi: