Home Agricoltura e Bio Coltivazione della canapa: in Italia arriva il disciplinare

Coltivazione della canapa: in Italia arriva il disciplinare

città: Milano - pubblicato il:
disciplinare di coltoiivazione della canapa in Italia

Per fare chiarezza in tema di coltivazione della canapa mancava in Italia un disciplinare che ne garantisse anche la legalità.

Hanno colmato questo gap Cia, Confagricoltura e Federcanapa che con il marchio Fiore di canapa italiano vanno a porre le basi di come tornare a coltivarla, raccogliere l’inflorescenza e lavorarla.

In molti lo attendevano e dopo mesi di lavoro i tre soggetti hanno avuto modo di presentarla durante il CanapaForum 2018 tenutosi in questi giorni a Milano.

Fiore di canapa italiano, questo il marchio associato al disciplinare, identificherà la produzione tricolore, mettendo al centro la qualità e la tracciabilità per la filiera di produzione e trasformazione.

Il disciplinare di coltivazione della canapa in Italia

Il documento congiunto si pone l’obiettivo di regolamentare e valorizzare la coltivazione della canapa in Italia.

Inoltre, Fiore di canapa italiano mira a stabilire criteri comuni di qualità nella coltivazione, raccolta e conservazione delle infiorescenze di canapa, tra quelle ammesse nel catalogo europeo delle varietà con THC inferiore a 0,2%.

Il disciplinare è ora a disposizione delle imprese.

Qui lo anticipa Ivan Nardone del dipartimento sviluppo agroalimentare e territorio di Cia, Confederazione italiana di agricoltori che si dice soddisfatto di come la coltivazione della canapa in Italia stia andando.

Nardone invita l’industria a valutare attentamente l’alto valore della canapa. Come dire che non finisca tutto e solo in base nutritiva. Pensa alla bioedilizia in primis. E fa un esempio, quello di una chiesa in costruzione a Montenero di Bisaccia, nel Molise, dove la canapa è utilizzata a livello di calce.

Dal punto di vista tecnico la calce di canapa assieme a un uso allargato di legno permetteranno una riduzione della richiesta energetica sia per il raffrescamento che per il riscaldamento.

Condividi: