Home Smart City A Milano il trasporto urbano sarà ancora più green

A Milano il trasporto urbano sarà ancora più green

città: Milano - pubblicato il:
atm milano - trasporto elettrico

Atm Milano punta decisamente a una mobilità sostenibile pubblica e annuncia l’aggiudicazione di due gare – valore complessivo di 365 milioni di euro – per dotarsi di 250 bus elettrici e di 80 nuovi tram

Atm Milano ha annunciato la conclusione di due importanti gare che contribuiranno a rinnovare la flotta cittadini in ottica green. Due le gare giunte ad assegnazione: 250 bus elettrici a SolarisBus e 80 tram a Stadler, per un investimento complessivo di 365 milioni di euro.

Nei prossimi mesi si attiveranno i primi contratti applicativi che renderanno operativi 70 nuovi mezzi elettrici, 40 bus e 30 tram di ultima generazione, per un investimento iniziale di oltre 103 milioni di euro.

Per Atm Milano è il primo passo per un obiettivo davvero ambizioso: rendere la flotta dei mezzi di trasporto pubblici 100% elettrica nel 2030, come previsto dagli investimenti del piano Full Electric dell’azienda.

Oggi già il 70% delle percorrenze dei mezzi pubblici di Atm è alimentato elettricamente e la flotta total green in circolazione è composta da 25 bus elettrici, 100 bus ibridi e 3 bus a idrogeno, oltre ovviamente ai treni della metropolitana, ai tram e ai filobus.

Nei prossimi giorni entrerà in servizio il primo dei 30 nuovi filobus acquistati recentemente. Negli ultimi mesi, grazie agli investimenti di Atm Milano, sono stati sostituiti 125 bus diesel con bus elettrici e ibridi in circolazione su alcune linee tra le quali 54, 56, 73, 84 e 94.

La svolta full electric di Atm Milano

Si partirà con 250 bus elettrici, commissionati alla società Solaris Bus & Coach S.A, gruppo polacco già fornitore dei primi 25 autobus, per un valore complessivo di 192,4 milioni di euro.

Il bando prevede la stipula di un primo contratto applicativo per la fornitura di 40 mezzi che si inserisce nell’Accordo Quadro della durata di due anni, con l’opzione per ulteriori due.

Il valore del primo contratto applicativo è pari a oltre 28 milioni di euro. Il primo autobus sarà consegnato entro 11 mesi e le successive consegne, dei primi 40 bus, prevedono l’arrivo di 8 veicoli al mese.

I bus elettrici da 12 metri sono mezzi dotati di impianto di climatizzazione, videosorveglianza, luci a Led, prese Usb per i passeggeri e postazione per il trasporto dei disabili senza elevatore grazie al pianale integralmente ribassato.

Le nuove vetture sono alimentate da batterie di tipologia NMC (Nichel-Manganese-Cobalto) con capacità complessiva di 240 kWh che garantiscono un’autonomia di circa 180 km e senza la produzione di alcun tipo di emissione inquinante (zero particolato, zero ossidi di azoto, zero monossido di carbonio, zero idrocarburi incombusti).

La ricarica delle batterie avviene al rientro in deposito, grazie a una colonnina di ricarica con potenza di 100 kW. I nuovi mezzi potranno ricaricarsi anche al capolinea tramite il pantografo (con la modalità opportunity charging) con una potenza di 200 kW.

La fornitura di 80 tram arriverà invece da Stadler, per un valore complessivo di 172,6 milioni di euro. Il primo contratto applicativo per la fornitura di 30 tram, di cui 20 per il servizio urbano e 10 per il servizio interurbano, ha un valore complessivo di 75,5 milioni di euro.

La consegna del primo tram è prevista entro un anno e mezzo e poi le successive consegne seguiranno il ritmo di 1 o 2 tram al mese.

I nuovi tram sono vetture bidirezionali che permetteranno di invertire la marcia riducendo l’impatto urbanistico e viabilistico dei capolinea, con lunghezza non superiore ai 26 metri, un pianale ribassato nella parte centrale per rendere più agevole salita e discesa, recupero di energia in frenatura e anche sistemi di videosorveglianza.

Sono vetture dotate inoltre di una tecnologia che li renderà più silenziosi e hanno sistemi di sicurezza attivi e passivi come la resistenza agli urti e un sistema anti collisione.

Condividi: