Home Imprese Sostenibili Consumi di gas e luce: come controllarli e risparmiare

Consumi di gas e luce: come controllarli e risparmiare

città: Milano - pubblicato il:
voltura luce e gas - bollette luce e gas

Controllare i nostri consumi di gas ed energia elettrica è il primo e più efficace modo per ridurli, e spendere meno. Ma come fare?

L’arrivo dei mesi estivi non è solo un’occasione per godersi appieno le belle giornate e – quest’anno con maggior precauzione rispetto al passato – rimettere il naso fuori casa.

Giornate più lunghe, temperature più miti e più tempo all’aria aperta hanno un impatto anche sulle nostre spese mensili, quelle relative alle utenze domestiche: significa, in sostanza, risparmiare una cifra considerevole sulla bolletta di gas e luce.

Questi, però, sono anche i mesi in cui si fanno i conti delle spese sui mesi invernali, si tirano le somme dell’andamento annuale e si ha una maggiore consapevolezza del costo dell’energia nella stagione più fredda, e più dispendiosa.

È in questo momento che si torna a pensare all’importanza del risparmio e, conseguentemente, a cercare offerte luce e gas più adatte alle nostre esigenze (e al nostro portafoglio).

È in questo periodo, quindi, che siamo più propensi a tenere sotto controllo le spese relative alle nostre utenze domestiche: luce e gas, principalmente, ma anche acqua, internet e telefonia. Non è tutto, però.

Capita spesso – e in base alla tipologia di contratto può capitare più spesso ad alcuni – che ci si accorga di una bolletta energetica fuori dalla media, particolarmente bassa o (peggio) particolarmente cara.

In momenti come questo diventa ancora più importante tenere sotto controllo i propri consumi, in modo da avere un pratico e veloce riscontro sulle somme che mensilmente o periodicamente versiamo per il pagamento delle bollette energetiche.

Ancora più urgente e importante, infine, è effettuare regolari controlli quando i pagamenti non sono sotto i nostri occhi. Quando, cioè, si sceglie, per comodità o per obbligo contrattuale, di effettuare il pagamento senza la ricezione della bolletta cartacea (o digitale), con addebito diretto sul conto corrente bancario o postale.

Ecco quindi che è utile fare ricorso ad alcuni semplici modalità per correggere eventuali errori nella bolletta, normalizzare il consumo di energia, ridurlo quando possibile e soprattutto essere vigili rispetto a possibili sprechi e problemi.

  1. per avere una buona condotta sul controllo dei consumi di gas e luce (ma anche di altre eventuali utenze) è bene partire dall’osservazione del documento di spesa relativo, che, nel caso dell’energia elettrica e del gas, è rappresentato dalla bolletta cartacea o digitale (quella, cioè, scaricabile dal sito del distributore o inviata al consumatore via email). Saper leggere la bolletta è il primo passo nella comprensione delle spese effettive per l’energia, per scegliere il migliore operatore, per sottoscrivere la promozione adatta alle nostre esigenze tra le tante offerte presenti sul mercato. Alcune voci della spesa non saranno forse immediatamente comprensibili: sarà bene informarsi, a tal proposito, presso il servizio clienti del proprio fornitore. Una buona abitudine, inoltre, è conservare le bollette per un confronto con quelle dell’anno precedente o successivo, relative allo stesso periodo dell’anno
  2. quando si avrà preso una minima confidenza con le letture della bolletta, sarà tempo di passare alle letture manuali del contatore. Molte compagnie di distribuzione dell’energia offrono la possibilità di inserire manualmente la lettura del contatore, che in caso contrario viene effettuata solo saltuariamente, con intervalli di tempo di vari mesi: il risultato sarà una bolletta che presenta non il prospetto dei reali consumi, ma una previsione di spesa, che verrà in seguito aggiornata e resa esatta attraverso il conguaglio. Il conguaglio, però, si rivela uno strumento spesso spiacevole per il consumatore: la previsione potrebbe essere fatta al ribasso (con il conseguente rincaro nelle bollette a fine anno, già esose) o al rialzo (che comporta inutili versamenti anticipati, che verranno rimborsati solo in seguito). La lettura automatica, da questo punto di vista, semplifica la lettura della bolletta ed evita spiacevoli sorprese
  3. da alcuni anni esiste un comodo strumento, chiamato misuratore elettrico, utile per il monitoraggio dei consumi domestici, e in particolare per le spese elettriche legate a elettrodomestici particolarmente importanti quali lavatrice, forno, asciugatrice, condizionatore. In base al modello scelto, il misuratore elettrico è in grado di valutare e monitorare l’energia utilizzata dai vari elettrodomestici casalinghi nel loro insieme o i singoli apparecchi
  4. da non sottovalutare, inoltre, il portale online dell’Arera, l’Autorità di Regolazione per l’Energia Reti e Ambiente. Dal luglio 2019, i consumatori possono accedere al Portale Consumi, che consente di tenere sotto controllo i dati registrati nelle bollette di gas e luce, grazie a vari strumenti come grafici, report e tabelle, di facile consultazione. I dati del cittadino sono protetti da un accesso privato, che funziona tramite Spid (Sistema Pubblico di Identità Digitale), che assicura il rispetto della privacy di ogni utente; allo stesso tempo, in un unico luogo virtuale, il consumatore troverà informazioni riguardanti tutti i suoi contratti attivi e cessati, afferenti a diverse compagnie di distribuzione, così come gli aggiornamenti sulle pratiche di passaggio da una compagnia all’altra. Sul portale sono inoltre presenti aggiornamenti su decreti governativi che riguardano l’energia; sarà possibile informarsi su bonus e agevolazioni statali e si potranno inoltrare segnalazioni e domande
Condividi: