Home Imprese Sostenibili Patto dei sindaci: smart city ed efficienza energetica

Patto dei sindaci: smart city ed efficienza energetica

pubblicato il: - ultima modifica: 2 Settembre 2020
patto dei sindaci

Con oltre 2700 comuni firmatari, l’Italia guida la classifica europea delle adesioni al Patto dei Sindaci, il movimento che impegna autorità locali e regionali ad aumentare l’efficienza energetica e l’utilizzo di fonti energetiche rinnovabili nei loro territori.

È quanto emerso in occasione della High level Round table su Il ruolo strategico della Città Intelligenti per affrontare le sfide energetiche che ha riunito a Bruxelles il vice presidente della Commissione per l’Unione energetica, Maros Sefcovic, i sindaci di oltre 20 città europee, i DG per l’Energia e per l’innovazione della Commissione, parlamentari, rappresentanti della Bei, della European Alliance to Save Energy e dell’Enea per i progetti a supporto delle smart city e dell’efficienza.

Fra i partecipanti, i rappresentanti di Parigi, Francoforte, Varsavia, Saragozza, Bristol, Sofia, Lubiana e, per l’Italia, i sindaci di Firenze, Dario Nardella, di Torino, Pietro Fassino e il Commissario Enea Federico Testa.

La tavola rotonda è nata come spazio di dialogo e di confronto con i principali stakeholder coinvolti nel percorso per rendere le città e le comunità intelligenti. Tre i temi conduttori: smart city, efficienza energetica negli edifici e il Patto dei sindaci.

Come Coordinatore Nazionale del Patto dei Sindaci e protagonista di diversi programmi e azioni per le smart city, l’Enea si configura come soggetto di riferimento per raccordare Enti Locali, imprese e mondo della ricerca – ha sottolineato nel suo intervento Federico TestaIl percorso verso città intelligenti richiede investimenti, scelte politiche e strategie per sviluppare tecnologie innovative basate su sinergie tra Pubblica Amministrazione, filiere industriali e sistema della ricerca. L’Enea è al lavoro per mettere a punto standard comuni, linee guida e procedure utili alle amministrazioni pubbliche, da adattare poi alle diverse realtà locali“.

Dai lavori è emerso che il Patto dei Sindaci è sempre più un elemento centrale della politica europea per la sostenibilità nel settore energetico e che l’Italia guida la classifica delle adesioni: degli oltre 5.714 Enti Locali firmatari, oltre la metà sono italiani.

Inoltre, più di 2.400 Comuni italiani si sono già dotati del Paes, il Piano d’azione per l’energia sostenibile e stanno sviluppando i piani operativi e le azioni necessarie per dare seguito alle iniziative previste.

Condividi: