Home Imprese Sostenibili Per la riqualificazione energetica capitali anche dall’estero

Per la riqualificazione energetica capitali anche dall’estero

pubblicato il: - ultima modifica: 12 Ottobre 2021
sostenibilità e green planner news
Foto di anncapictures da Pixabay

riqualificazione energeticaLa riqualificazione energetica in Italia è un settore in movimento che piace anche ai grandi fondi internazionali di private equity.

Protagoniste del settore sono le ESCo, Energy Service Company indipendenti che movimentano ogni anno 677 miliardi di euro in progetti di riqualificazione energetica.

Guardando a un modello anglosassone, le ESCo si stanno evolvendo da società di ingegneria in veri e propri fondi capaci di catalizzare finanziamenti su specifici progetti di riqualificazione energetica rivolti alla GDO, all’industria e al settore florovivaistico (60% netto il risparmio in bolletta per chi sceglie le energie alternative).

Nel modello credono anche gli investitori esteri, al punto che Enerqos, esco monzese guidata da Giorgio Pucci, partecipata dal fondo inglese Climate Change Capital, ha attratto fondi per 50 milioni di euro destinati a nuovi progetti di riqualificazione energetica nella pubblica amministrazione. Convertite al green anche 12 serre florovivaistiche per 5 milioni di euro.

Riqualificazione energetica: IVM Chemicals

Il caso IVM Chemicals, azienda nata a Milano, con sede a Parona (Pavia), opera nel mercato delle vernici per il legno di altissima qualità. IVM Chemicals commercia in tutto il mondo, con un bacino di oltre 70 Paesi. Da sempre, l’azienda guidata da Federica Teso crede nella ricerca finalizzata all’adozione delle soluzioni migliori per l’ambiente. Ha al suo interno un team di 200 ricercatori per un investimento pari all’8% del fatturato con un team di 200 ricercatori.

Riqualificazione energetica: Sense by Vitrum

L’estetica Sense by Vitrum, azienda che opera nel campo dell’eco-domotica semplificata e delle nuove tecnologie per la casa, si aggiudica il Plus X AWARD, uno dei riconoscimenti più importanti a livello mondiale per quanto concerne l’innovazione e la tecnologia. A raccogliere i maggiori consensi della giuria internazionale è dunque un prodotto tutto italiano, perfetta sintesi del design Made in Italy e di costante attenzione per la qualità. Sense porta a casa ben tre delle sette categorie in cui si articola il Plus X AWARD: High Quality, Design e Functionality.

Condividi: