Home Imprese Sostenibili Tecnologie retrofit, per portare verso i led l’illuminazione preesistente

Tecnologie retrofit, per portare verso i led l’illuminazione preesistente

città: Milano - pubblicato il: - ultima modifica: 2 Giugno 2020
tecnologie retrofit

tecnologie retrofitLe tecnologie retrofit sono così definite perché sono in grado di combinare i benefici dei Led con i sistemi preesistenti; sono molto importanti e rappresentano un grande mercato sia nelle attività commerciali, sia per gli utenti finali.

In questa fase di transizione dalle vecchie tecnologie alle nuove in grado di abbattere le emissioni di anidride carbonica e di favorire l’efficienza energetica, i Governi e gli enti certificatori in tutto il mondo stanno definendo norme e linee guida sempre più attente a questi aspetti.

Va da sé che anche i progettisti dei sistemi di illuminazione devono pianificare in anticipo e scegliere i componenti in grado di consentire questi cambiamenti – per esempio in Europa le lampade a incandescenza tradizionali sono state completamente messe al bando nel 2012.

I produttori che operano negli stati membri dell’UE devono pertanto soddisfare norme di efficienza energetica con restrizioni nei requisiti minimi imposte dall’EC Regulation n. 244/2009.

Ecco allora che le tecnologie retrofit consentono di combinare i vantaggi della tecnologia Led con gli impianti di illuminazione esistenti nei settori residenziali, all’aperto, negli uffici, nei negozi, nell’ospitalità, in campo industriale o di illuminazione architettonica.

Grazie alle tecnologie retrofit le imprese e i proprietari privati possono beneficiare dei vantaggi dell’illuminazione Led e al tempo stesso di proteggere gli investimenti già fatti nelle infrastrutture di illuminazione.

In questo ambito Osram Opto Semiconductors offre uno dei portafogli più completi di componenti Led per le tecnologie retrofit e soluzioni LEDfit, con una ampia dotazione di opzioni in grado di soddisfare specifiche esigenze e di proteggere gli investimenti esistenti in sistemi e infrastrutture.

Condividi: