Home Imprese Sostenibili Efficienza energetica: agli italiani piace dormire al fresco

Efficienza energetica: agli italiani piace dormire al fresco

città: Milano - pubblicato il:
living in europe - ricerca e.on

living in europe - ricerca e.onCurioso: agli italiani piace dormire al fresco: è quanto emerge dalla ricerca Living in Europe commissionata da E.On alla tedesca Kantar Emnid.

Obiettivo: analizzare, dal punto di vista dell’efficienza energetica, i comportamenti legati alla vita domestica. Da qui si nota così che è gli italiani si differenzino per la preferenza di temperature più basse rispetto a quanto ci si aspetterebbe sia per l’ambiente camera da letto sia per il soggiorno.

Il 56% degli italiani, infatti, ama dormire a 18/20°C; solo il 21% predilige temperature superiori ai 20°C, mentre solo il 16% preferisce dormire con meno di 18°C.

Nessuno però batte, in tema di comportamenti di efficienza energetica, Inghilterra e Germania che abbassano notevolmente la media, con una la preferenza per una camera da letto più fresca, intorno ai 18°C, negli altri Paesi dell’Europa centrale le temperature ideali si assestano tra i 20 e i 22 gradi centigradi.

Curiosi i risultati della ricerca Living in Europe anche per quanto riguarda il soggiorno; per la maggioranza degli italiani la temperatura preferita è 19°C, mentre in tutti gli altri Paesi presi in considerazione, escluse la Svezia e il Regno Unito, la temperatura ideale è di 22°C.

Eppure, questi valori registrati da Living in Europe non corrispondono alla realtà. Faticano le amministrazioni comunali a far rispettare in periodi di picchi di inquinamento soprattutto i limiti di riscaldamento. Complici, nelle città, i condomini che hanno una dispersione infinita di energia verso gli appartamenti dei piani più alti.

Ci mettono del loro anche gli stessi uffici comunali che sembrano completamente esenti da qualsiasi controllo. Risultato: picchi di calore incondizionati.

Efficienza energetica capitolo 2: un altro dato emerge dalla ricerca commissionata da E.On: ovvero che il 60% degli italiani sogna di passare dal gas all’energia solare per riscaldare la propria abitazione.

Dall’indagine Living in Europe emerge insomma che il campione italiano – poco più di mille intervistati – vorrebbe che si tornasse con forza a rilanciare politiche di introduzione di tecnologie solari per far funzionare i propri elettrodomestici.

La preferenza del Belpaese per il solare (60%) è decisamente superiore a quanto rilevato in Germania (46%) e Regno Unito (38%), ma anche in Paesi che si collocano a latitudini comparabili alle nostre come Romania e Turchia.

Condividi: