Home Imprese Sostenibili Riscaldamento in città: urge il passaggio alle energie rinnovabili

Riscaldamento in città: urge il passaggio alle energie rinnovabili

pubblicato il: - ultima modifica: 12 Ottobre 2021
Impianti di Riscaldamento

Impianti di RiscaldamentoSempre più d’attualità diventa la necessaria riduzione dell’utilizzo dei combustibili inquinanti negli impianti di riscaldamento privati durante i mesi invernali.

Un risparmio energetico e il ricorso a fonti di energia rinnovabile sono un obiettivo a breve termine che si impone con un’urgenza che ha spinto gli studi e le ricerche nella direzione dei pannelli solari, delle biomasse e delle pompe di calore.

È vero che una casa ecologica, studiata con lo scopo di ridurre drasticamente i consumi di energia, presenta costi importanti, ma è pur vero che uno sforzo iniziale verrebbe presto ripagato da un notevole risparmio energetico che nel giro di tre anni permetterebbe di recuperare le spese.

Inoltre, preme ricordare a questo proposito che chi decide di progettare e costruire una casa ecologica può usufruire di diversi incentivi.

La norma vigente garantisce detrazioni fiscali del 36, 50 e 65%, che permettono di ridurre il costo finale di impianti solari o di isolamenti termici e che agevolano l’acquisto di una caldaia a condensazione o altri sistemi di risparmio energetico.

Va da sé, quindi, che la spesa per una caldaia ad alta efficienza energetica venga ammortizzata dalle agevolazioni fiscali e dal risparmio sui consumi di gas presente nelle bollette.

Siamo ormai in trepida attesa dell’inverno e nelle abitazioni il consumo energetico deriva maggiormente dai sistemi di riscaldamento degli ambienti. È pertanto molto importante orientarsi verso la scelta di un sistema di alimentazione energetica più giusto come la pompa di calore risparmio.

Una pompa di calore estrae il calore da una fonte naturale (aria, acqua o terra) e lo trasporta dentro l’edificio alla temperatura idonea, in funzione del tipo di impianto di riscaldamento.

Questi impianti a energia rinnovabile prelevano l’energia termica dall’esterno e la liberano nell’ambiente interno sotto forma di aria o acqua. Servono infatti sia per il riscaldamento, sia per ottenere l’acqua calda sanitaria. Sono inoltre dotate di un inverter che permette, quando necessario, anche il raffrescamento.

Una pompa di calore può essere installata in un’abitazione di nuova costruzione o può essere introdotta nella riqualificazione di un impianto già esistente che, tuttavia, necessita di un isolamento termico che consenta una limitazione delle dispersioni di calore e il conseguente abbassamento della temperatura degli elementi esistenti.

In base al fabbisogno termico dell’abitazione, è possibile decidere quale sia la modalità di funzionamento di una pompa più adatta. Nel sistema monovalente la pompa è l’unico generatore di calore; in quello bivalente, oltre alla pompa di calore, c’è un generatore di supporto all’impianto.

La modalità monovalente è maggiormente consigliata negli impianti di nuove costruzioni che hanno un corretto isolamento e che si trovano in zone climatiche particolarmente rigide. La modalità bivalente, invece, è più indicata nelle zone fredde, o in strutture che presentano un fabbisogno energetico maggiore.

Una pompa di calore utilizza un’energia gratuita, ecologica e rinnovabile di suolo, acqua e aria, ed è per questo che diventa la soluzione ideale per una riduzione dei consumi di energia e le emissioni di CO2 che mira alla tutela dell’ambiente.

Le pompe di calore producono energia per tutto l’anno garantendo un risparmio sulle bollette fino al 60%. Inoltre, qualora fossero abbinate a un impianto fotovoltaico, il risparmio arriverebbe addirittura al 90%.

In questo caso, infatti, è l’energia elettrica che il fotovoltaico produce ad alimentare la pompa di calore che riesce così a soddisfare il fabbisogno energetico per il riscaldamento dell’abitazione. A lungo termine, si può tranquillamente ipotizzare la completa indipendenza economica, una vera vittoria sul conto in banca e sulle emissioni.

Per garantire acqua calda sanitaria e riscaldamento per gli ambienti, oltre alle pompe di calore, stanno prendendo piede i panelli solari che funzionano attraverso il prelievo dell’energia dal sole, diffondendo il calore attraverso i termosifoni e i pannelli radianti. È necessario che i pannelli solari siano abbinati a un impianto già esistente perché producono energia attraverso la luce del sole che, naturalmente, è meno potente durante i mesi freddi.

Utilizzare l’energia rinnovabile rappresenta un passo avanti verso un futuro ecosostenibile perché assicura un importante taglio delle emissioni globali e, non di minore importanza, un considerevole risparmio sull’ammontare delle bollette.

A questo proposito, è bene ricordare che, oltre alle agevolazioni fiscali già citate, è stato istituito un Conto Termico che prevede incentivi stabili per l’installazione delle pompe di calore.

Gli interventi che rientrano nel Conto Termico sono quelle sostituzioni o integrazioni di caldaie che possano garantire un alto grado di efficienza.

La sostituzione delle vecchie caldaie con le pompe di calore rappresenta un’importante innovazione che apporta molti vantaggi. L’Unione Europea ha disposto una Normativa Eco Design con l’obiettivo esplicito di arrivare a un drastico risparmio di milioni di tonnellate di petrolio e permettere la creazione di molti posti di lavoro.

È chiaro che in questo disegno rientri a pieno titolo anche un enorme abbassamento dei consumi di energia che consenta una quanto mai necessaria riduzione delle emissioni dei gas serra.

Condividi: