Home Imprese Sostenibili Il Gruppo Cap calmiera le tariffe dell’acqua

Il Gruppo Cap calmiera le tariffe dell’acqua

città: Milano - pubblicato il:
gruppo cap - tariffe dell'acqua

Lavoriamo per il benessere sociale“. Prendiamo questa frase di Alessandro Russo, presidente e amministratore delegato di Gruppo Cap per sintetizzare l’attività di questa mono-utility che si occupa di acqua sul territorio della città metropolitana milanese, il cui modello in-house providing sta diventando un caso di studio.

Reinvestiamo un terzo della tariffa dell’acqua in infrastrutture e ricerca e sviluppo” afferma il direttore generale Michele Falcone, che fa notare come le altre utility dell’acqua si limitino al 22% (dati riferiti al Blue Book 2017).

Tariffe dell’acqua, pari a 1€ al metro cubo, che per quanto riguarda i 200 Comuni (ovvero 2,5 milioni di abitanti) gestiti dal Gruppo Cap sembrano destinate a rimanere calmierate come lo stesso Falcone ci racconta.

Con tariffe agevolate per il mondo agricolo.

Intanto, dagli ultimi dati rilasciati dall’azienda nella Rendicontazione non Finanziaria – Bilancio di Sostenibilità 2017 (redatto secondo le Linee guida Gri Sustainability Reporting Standards opzione In accordance – Core) si deduce che sono stati 85 i milioni di euro investiti in infrastrutture, 5 milioni in più rispetto al 2106.

Perdite idriche scese al 16% (la media si attesta sul 39%, fonte Utilitalia). Emissioni di gas serra calate del 70% rispetto al 2016 (grazie all’uso di energia verde che su Cap pesa per 30 milioni di euro). Uso sempre più spinto di una mobilità sostenibile (anche grazie al biogas fatto in casa che potrebbe a breve muovere tutti i 200 automezzi del gruppo).

E poi ancora investimenti in nuove tecnologie per il recupero di acqua meteorica, gestione ottimizzata dei fanghi trasformabili in fertilizzanti e nuovi studi sulle bioplastiche. Attività che forse potrebbero trasformare questa mono-utility in altro.

Siamo un’azienda che fa mercato” aggiunge Falcone. A giudicare da come si è comportato il bond quotato sul mercato regolamentato irlandese (per un valore di 40 milioni di euro al tasso di 1,98% con scadenza 2024) il mercato, appunto, sembra apprezzare.