Home Smart City Gruppo Cap posa la prima pietra della sua “nuova casa” milanese

Gruppo Cap posa la prima pietra della sua “nuova casa” milanese

città: Milano - pubblicato il:
posa prima pietra uffici gruppo cap

Gruppo Cap, gestore del servizio idrico integrato della Città metropolitana di Milano, ha posto la prima pietra del suo nuovo centro direzionale che raggruppa e ottimizza gli uffici della società

Un progetto ambizioso che durerà due anni e regalerà alla città di Milano un’area rinnovata con oltre 3.000 metri quadrati di verde e una serie di facility fruibili anche dalla cittadinanza.

11.250 m2 di superficie distribuiti su sei piani e suddivisi in ambienti diversi tra loro: nella nuova sede del Gruppo Cap, dove lavoreranno oltre 400 dipendenti, troveranno posto open space, uffici, laboratori, una caffetteria aperta a tutti, un’expo area, un asilo nido non esclusivamente aziendale e un auditorium.

Visto che Gruppo Cap si occupa delle gestione dell’acqua, il nuovo progetto prevede la realizzazione di un edificio a forma di arca che fluttua su una piazza d’acqua per mostrare la natura pubblica della gestione del patrimonio idrico e la sua vocazione di servizio a favore della collettività.

I nuovi uffici verranno realizzati a emissioni zero e saranno progettati utilizzando i più alti standard di sostenibilità e risparmio energetico: un progetto dello Studio CL&AA Claudio Lucchin e Architetti Associati,che trae ispirazione dal significato che l’acqua ha da sempre per la vita delle persone e delle comunità.

L’intervento di riqualificazione dell’area tra la stazione di Romolo e la cascina Moncucco darà vita a una vera e propria piazza d’acqua, un luogo di aggregazione aperto a tutta la cittadinanza milanese.

La struttura sarà realizzata seguendo un accurato piano energetico, che si avvale delle migliori innovazioni tecnologiche sul fronte della sostenibilità, facendone un modello di costruzione a zero emissioni e zero energia.

Cosa che permetterà di ottenere il certificato Leed Gold, tra i più alti riconoscimenti sul fronte della certificazione green.

Condividi: