Home Eco Lifestyle Adesso Trieste parte in… bicicletta

Adesso Trieste parte in… bicicletta

pubblicato il:
adesso trieste

900 km da Trieste a Torino per incontrare e rilanciare le buone pratiche ambientali e sociali. Temi forti del programma politico di Adesso Trieste, che si presenta alle prossime amministrative del capoluogo giuliano

Giulia Massolino e Federico Zadnich sono già per strada con le loro biciclette, equipaggiati per percorrere in poco più di 10 giorni 900 chilometri da Trieste a Torino, lungo la ciclovia Aida (Alta Italia da Attraversare).

I due sono i portavoci di Adesso Trieste e hanno le idee chiare: le buone pratiche ambientali e  sociali ci sono, facciamole conoscere.

Un viaggio che porta con sé diversi simboli: “Il primo dimostrare ai triestini che il programma politico di Adesso Trieste non è basato su sogni, ma su dati di fatto – spiega Giulia Massolino, comunicatrice scientifica e portavoce e capolista di Adesso Trieste – Per questo tutte le tappe che faremo ci permetteranno di incontrare tante esperienze italiane sostenibili sia dal punto di vista ambientale che sociale“.

Esperienze che in effetti potrebbero essere replicate, magari anche a Trieste dove la Massolino e Zadnich si presenteranno alle amministrative di ottobre del capoluogo giuliano.

Una pedalata faticosa, visto il caldo del periodo. Eccolo un altro simbolo: chi porta avanti le tematiche ecologiche sa che non avrà vita comoda.

Ma i due sono abituati, la bici è il loro mezzo di locomozione di tutti i giorni. E chi conosce Trieste sa che non è una città di pianura.

Zadnich, ora coordinatore dell’assemblea tematica ecologia di Adesso Trieste, è un’attivista Fiab che ha già attraversato in bicicletta mezza Europa. “Esplorare i territori in modo lento e non impattante è la forma di turismo che vorremmo nel futuro, come abbiamo sottolineato nel nostro programma“.

Da Trieste i due si sono avviati questa mattina verso Udine. Qui intervisteranno in diretta social dal Parco Moretti l’ex Assessora allo sport, all’educazione e agli stili di vita,  Raffaella Basana, con cui discuteranno delle azioni intraprese in città per promuovere gli stili di vita sani, specialmente tra le persone più anziane.

La tappa udinese si concluderà domenica 4 luglio con l’incontro con Massimo Moretuzzo, consigliere regionale del Patto per l’Autonomia, tra i promotori di un progetto di filiera corta e partecipazione comunitaria.

Poi Mestre dove i rappresentanti di Adesso Trieste incontreranno Carlo Giacomini, urbanista esperto in logistica e trasporti. Pit stop a Vicenza per parlare di turismo sostenibile e quindi una tirata fino a Milano dove nel tardo pomeriggio di venerdì 9 luglio Giulia e Federico arriverano a Milano sulla Martesana. E qui incontreranno Michele Cremonesi, promotore del progetto Aida.

Il giorno dopo con Luca Garibaldo, di Dynamoscopio, sarà fatta visita al Mercato comunale di Lorenteggio.

A Milano state recuperando molti mercati comunali – fa notare Giuliae credo che sia una buona pratica che da una parte preserva il commercio di comunità e dall’altra i simboli storici. Anche noi a Trieste abbiamo salvato il mercato coperto di via Carducci, una struttura con una storia importante per tutta la città“.

Dopo Milano è la volta di Novara dove i due visiteranno una ex caserma – la caserma Passalacqua con SerMais – ora riorganizzata nella movimentazione giovanile e nella promozione della cittadinanza attiva e Torino dove con Rocco Albanese si farà il punto sui beni comuni a partire dal progetto progetto Co-city.

Gli argomenti che tratteremo sono moltissimi: parleremo di ambiente, turismo, energia, mobilità, beni comuni, rigenerazione urbana e molto altro” chiosa Giulia Massolino.

Il programma di Adesso Trieste è stato scritto in modo partecipato da 100 persone. Il risultato, votato nell’Assemblea Cittadina, si può leggere adessotrieste.eu/programma. Come Greenplanner.it seguiremo il loro viaggio sui nostri canali Instagram e Facebook.

Condividi: