Home Green Jobs Il registro nazionale per l’alternanza scuola-lavoro apre la strada professionale

Il registro nazionale per l’alternanza scuola-lavoro apre la strada professionale

città: Milano - pubblicato il:
alternanza scuola lavoro - Registro nazionale per l'alternanza scuola-lavoro

Mercato del lavoro e giovani: la strada legata all’alternanza scuola-lavoro intrapresa anche dai licei sta dando i buoni frutti, a cominciare dal Registro nazionale per l’alternanza scuola-lavoro (RASL) gestito dalle Camere di Commercio.

Dopo un primo avvio tintinnante, infatti, sta diventando un punto d’incontro virtuale tra gli studenti e i soggetti disponibili a offrire un periodo di apprendimento on the job. Il portale, per ogni impresa o ente il registro riporta il numero massimo di studenti ammissibili, le figure professionali richieste e i periodi in cui è possibile svolgere l’attività di alternanza oltre a una completa documentazione in materia.

I soggetti interessati a ospitare giovani possono iscriversi gratuitamente al Registro nazionale per l’alternanza scuola-lavoro, esclusivamente online, accedendo alla sezione profilo e compilando le informazioni richieste, secondo le modalità previste nelle apposite guide consultabili sul portale.

Intanto oggi occasione dell’evento Etica e progresso alternanza scuola-lavoro e responsabilità sociale d’impresa per una sana crescita economica, la Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi ha consegnato il premio Storie di Alternanza Sessione II semestre 2017 a quattro istituti scolastici di secondo grado di Milano: il Liceo Scientifico Vittorio Veneto, il Liceo Artistico Brera, l’Istituto Rosa Luxemburg e l’Istituto Caterina da Siena.

Il premio valorizza le migliori storie di alternanza scuola-lavoro, ideate ed elaborate dai ragazzi attraverso la realizzazione di video pillole con il supporto dei tutor scolastici e delle imprese.

Fino al 20 aprile sarà possibile partecipare alla Sessione – I Semestre 2018 del premio Storie di alternanza. Il premio è suddiviso in due categorie: licei e istituti tecnici e professionali. Sono ammessi a partecipare gli studenti, singoli o in gruppo che abbiano svolto e concluso (a partire dall’entrata in vigore della legge 13 luglio 2015 n. 107) un percorso di alternanza scuola-lavoro e che intendano raccontarlo attraverso un video.

Il premio prevede due livelli di partecipazione: il primo locale, promosso e gestito dalle Camere di commercio aderenti, il secondo nazionale, gestito da Unioncamere, cui si accede solo se si supera la selezione locale.

Un’apposita commissione selezionerà fino a un massimo di 3 racconti di alternanza scuola lavoro per la categoria dei licei e di 3 per la categoria degli istituti tecnici e professionali, per ogni provincia.

Condividi: