Home Eventi A Bressanone l’arte incontra acqua e luce nel Water Light Festival

A Bressanone l’arte incontra acqua e luce nel Water Light Festival

città: Bolzano - pubblicato il:
Water Light Festival

Water is life, Light is art: è questo il claim del Water Light Festival che trasformerà il centro di Bressanone, cittadina in provincia di Bolzano, in una galleria d’arte a cielo aperto. Artisti locali e internazionali allestiranno installazioni speciali giocando con i due preziosi elementi – luce e acqua – donando alla cittadina luoghi luminosi e magici.

Per 17 giorni, dal 9 al 25 maggio, gli interessati potranno godere delle magiche e affascinanti atmosfere create appositamente per il Water Light Festival; la connessione tra acqua e luce costituirà il tema centrale di un festival unico; una connessione, a prima vista insignificante, in grado di creare attimi di luce e di vita unici e indimenticabili.

Più di 20 fontane, la confluenza tra i fiumi Isarco e Rienza e altri tesori storici e culturali della città vescovile saranno reinterpretati. Installazioni luminose e spettacoli presso le fonti d’acqua della città attireranno l’attenzione sull’acqua, preziosa risorsa.

Il tema dell’acqua gioca un ruolo centrale nel Water Light Festival. I temi culturali, ecologici, sociali ed economici sono alla base di ogni approccio artistico. Mondi acquatici e arte della luce – una connessione luminosa che invita a meravigliarsi, sognare, partecipare e riflettere.

L’attenzione si concentra sulle caratteristiche della città, sugli angoli preziosi che spesso vengono trascurati. Arte di luce e arte contemporanea si incontrano in questo festival e si completano a vicenda” racconta Stefanie Prieth di Bressanone Turismo, responsabile del progetto.

Questa edizione del Water Light Festival è gemellata con il Festival dell’Acqua di Utilitalia, la federazione delle imprese dei servizi pubblici, che dal 2011 raccoglie ogni due anni scienziati, filosofi, attori, artisti e giornalisti per parlare di risorse idriche in tutte le possibili sfaccettature.

Dal 13 al 15 maggio a Bressanone, all’interno dei convegni e incontri del Festival dell’Acqua, ci si interrogherà anche sui cambiamenti climatici e sulla scarsità idrica, indagando se i ghiacciai alpini potranno ancora essere una riserva strategica.

Protagonisti del Water Light Festival saranno un nucleo di artisti che comprenderà tra gli altri Stefano Cagol, AliPaloma, Ann Lee Zwirner, Camille von Deschwanden, Georg Ladurner, Jacques Rival, Moradavaga, Pong Studios e Porte par le vent, Rüdiger Witcher, Adrian Scherzinger, Dominik Rinnhofer e Spectaculaires.

Alla manifestazione prenderanno parte anche le scuole primarie e secondarie di Bressanone, Varna e Fortezza, con un concorso di disegno. Le 50 migliori opere scelte dalla giuria verranno proiettate sulla facciata dell’Hotel Pupp.

Anche quest’anno il Water Light Festival rientra nella rete ufficiale dell’International Day Of Light dell’Unesco, che si celebra ogni 16 maggio con l’obiettivo di valorizzare il ruolo della luce.

Bressanone acquisirà durante il festival un’atmosfera inedita, promuovendo e sostenendo una riflessione di ampio respiro legata a questioni di interesse globale come il cambiamento climatico e la disponibilità delle risorse naturali.

Quest’anno il Water Light Festival si fregia della certificazione Green Event e vuole essere a tutti gli effetti sinonimo di sostenibilità.

La certificazione è stata ottenuta grazie al rispetto di parametri come l’utilizzo di energia da fonti rinnovabili, materiale stampato su carta ecologica certificata e campagne promozionali digitali.

In un festival sostenibile anche la mobilità lo deve essere: per questo motivo il festival si avvarrà della collaborazione con Deutsche Bahn per sensibilizzare i turisti a lasciare a casa la macchina e raggiungere Bressanone in treno.

Condividi: