Home Imprese Sostenibili Investimenti sostenibili: come li sceglie Bmo

Investimenti sostenibili: come li sceglie Bmo

città: Milano - pubblicato il:
Bmo Global Asset Management

Bmo Global Asset Management (della Bank of Montreal) ha una divisione che analizza e fa consulenza sulle aziende. E così fa anche azionariato attivo

Investimenti etici e responsabili. Il tema è caldo e si sta diffondendo come richiesta degli investitori. Anche perché è stato recentemente sdoganato dal Parlamento Europeo.

Lo scorso aprile, infatti, senza renderlo vincolante attraverso il Comitato per gli Affari Economici e Monetari (Econ) il Parlamento Europeo ha approvato un rapporto sulla finanza sostenibile.

Ma proprio perché sta diventando un argomento topic trainato anche dalla volontà di piccoli grandi investitori, la vigilanza deve essere alta.

Dunque, su quali investimenti puntare visto che l’offerta si sta allargando? Chi c’è dietro ai miei investimenti? Basta aderire alle direttive Onu Sdg (per altro consigliati dall’Econ) per dire che quegli investimenti sono green e sostenibili?

In effetti” fa notare Giampaolo Giannelli, regional sales di Bmo Global Asset Management Italiasi teme già un effetto rainbow washing. L’allerta è alta“.

Il termine rainbow washing è mutuato dal più noto green washing: ovvero dare solo una pennelata di azione green dove invece le attività sono ancora in-sostenibili. L’arcobaleno, ovviamente, è dato dai colori dei 17 Sustainable Goals dell’Onu.

Bmo Global Asset Management si sente però serena: da tempo ha una divisione che svolge attività di analisi e valutazione e di engagement nei confronti delle aziende. Una sorta di servizio di consulenza, che poi sfocia in un azionariato attivo: “arriviamo a votare durante le assemblee societarie” spiega Thomas Hassl, responsabile Investimenti “e non sempre il nostro voto è favorevole“.

Ma in questo modo Bmo Global Asset Management è in grado di avere una conoscenza approfondita delle aziende e degli investimenti che va a proporre.

Dalla 15esima Relazione Annuale sugli Investimenti Responsabili si evince che l’attività di engagement svolta nel corso del 2018 si è basata su un lavoro al fianco di 665 società in 46 paesi.

Il che ha prodotto 237 casi di successo nell’ambito dei quali sono stati messi a segno miglioramenti sul piano delle politiche e delle pratiche legate ai Sustainable Development Goals (Sdg) che Bmo conosce bene per essere stata sin dall’inizio consulente dell’Onu per la messa a punto dei punti focali.

I principali temi che il team si aspetta di trattare nel 2019 sono la parità di genere, la protezione dei lavoratori più vulnerabili, il cambiamento climatico, la biodiversità e l’acqua, la resistenza ai farmaci.

Anche il tema della salute (diabete per esempio) e dell’obesità sono altamente tenuto sotto stretta sorveglianza lato responsabilità delle aziende.

Ovviamente, il passo successivo e poi vedere quanto i fondi così analizzati e ragionati portano buoni risultati. Ma qui non possiamo che rimandare agli andamenti del mercato.

Condividi: